lunedì 31 marzo 2008

Te c'hanno mai mandato...

Forse un giorno cambierà qualcosa?

domenica 30 marzo 2008

Archivio Foto

Sotto trovate tutti i link degli album fotografici. Buona visione!
  1. Concerto dei "Soleada" a Milena (chiosco bar Garrasi). 26 Giugno 2010
  2. Festa di Padre Pio a Bompensiere. 16 Giugno 2010
  3. Giornata nazionale dello sport a Bompensiere. 4 Giugno 2010
  4. Festeggiamenti a Bompensiere per la vittoria della Champions League dell'Inter. 22 Maggio 2010
  5. Festeggiamenti a Bompensiere per il 18esimo scudetto dell'Inter. 16 Maggio 2010
  6. Santa Pasqua Bompensiere. 3 Aprile 2010
  7. Venerdì Santo Bompensiere. 2 Aprile 2010
  8. Giovedì Santo, messa in Coenia Domini, Bompensiere. 1 Aprile 2010
  9. Domenica delle Palme a Bompensiere. 28 Marzo 2010
  10. Festa del Patriarca San Giuseppe a Bompensiere. 21 Marzo 2010
  11. Bompensierini a Palermo per la partita "Palermo Inter". 20 Marzo 2010
  12. Giovani bompensierini all'oratorio parrocchiale. Un pomeriggio in allegria! 18 Marzo 2010
  13. Inaugurazione oratorio Bompensiere. 7 Febbraio 2010
  14. Iniziativa "Sportivamente giocando". Febbraio 2010
  15. Tombolata a Bompensiere. 4 Gennaio 2010
  16. Babbo Natale a Bompensiere. 23 Dicembre 2009
  17. Progetto "ricilare con fantasia". 22 Dicembre 2009
  18. Il presepe di Bompensiere. 11 Dicembre 2009
  19. Auto d'epoca a Bompensiere. 6 Dicembre 2009
  20. Bompensierini in gita in Francia e Spagna. Ottobre 2009
  21. Patrono S.S. Crocifisso. 27 Settembre 2009
  22. Festa dei settantenni bompensierini. 17 Settembre 2009
  23. Raduno nazionale "vespaclub" a Bompensiere. 6 Settembre 2009
  24. Festa dei quarantenni a Bompensiere. 18 Agosto 2009
  25. Festa dei sessantenni a Bompensiere. 1 Agosto 2009
  26. Gimkana vespistica a Bompensiere. 8 Agosto 2009
  27. Camposcuola Bompensiere. Luglio 2009
  28. Consegna del modulo antincendio Protezione Civile. Luglio 2009
  29. Confraternita di Bompensiere ad Orvieto. Giugno 2009
  30. Corpus Domini Bompensiere. 14 Giugno 2009
  31. Pasqua a Bompensiere. 11 Aprile 2009
  32. Venerdì Santo (sera) Bompensiere. 10 Aprile 2009
  33. Adorazione alla croce. Chiesa d Bompensiere. 10 Aprile 2009
  34. Venerdì Santo (pomeriggio) Bompensiere. 10 Aprile 2009
  35. Domenica delle Palme Bompensiere. 5 Aprile 2009
  36. Gazebo ParliAMOne. Agosto 2008
  37. Inaugurazione campo sportivo Bompensiere. Giugno 2008
  38. Festeggiamenti scudetto Inter. 18 Maggio 2008
  39. Alcune vie di Bompensiere
  40. Foto antiche Bompensiere

La chat di BlogPensiere

ISTRUZIONI PER L'USO

Per accedere alla chat potete:

1) Cliccare sulla scritta "Guest" ed inserendo un nome ( che non potrà più essere modificato). Eviterete così la registrazione.

2) Registrarvi cliccando su "Sign up" inserire i dati nella nuova pagina che si aprirà e successivamente loggarvi cliccando su "chatroll" immettendo nome utente precedentemente scelto e password.




E’ ARRIVATA LA “BANDA LARGA” A BOMPENISERE

Pochi ci credevano, molti altri se ne disinteressavano completamente, qualcuno invece lavorava per ottenerla e alla fine, anche il più piccolo paese della provincia di Caltanissetta è stato raggiunto dall’ADSL. giuseppe pellitteri

Ma cos’è la banda larga? Immaginate per un attimo di mettere il pianeta terra (la cui massa è di 5,9742 × 1024 kg ) all’interno di una scatola di scarpe. Possedendo questa scatola, l’uomo porta con sè l’intero pianeta. Questo è internet. Immaginate adesso di dover aprire questa scatola e cercare all’interno informazioni su una tribù del Togo chiamata “Cabrai”. Quella scatola vi potrà informare sul fatto che “i giovani Cabrai durante la loro fanciullezza hanno avuto affidato un cucciolo di cane che cresce insieme a loro. Esso diventa il compagno di gioco e di avventura e li segue in tutti i momenti della loro vita. Si viene così a creare tra il cucciolo e il bambino un rapporto di solidissimo affetto. Raggiunto il tempo in cui i ragazzi devono dire addio a tutte le cose della loro fanciullezza, li si costringere ad uccidere il cane, compagno fedele della loro vita. È una prova di una crudeltà atroce ma non vi è nulla da fare, se il ragazzo Cabrai vuole passare alla nuova classe di età, deve per forza strangolare il cane, poi squartarlo, prendere il suo sangue e raccoglierlo in una pentola, dove verrà in seguito messa a cuocere la carne che dovrà essere mangiata dagli iniziandi senza alcuna esitazione.” (http://lasciuralella.blogspot.com/2006/04/curiosit-su-costumi-e-pratiche.html).

Immaginate ora, per assurdo, di non sapere dove si trova “Togo” e di voler immediatamente collocare geograficamente questo stato. Se ci accontentassimo di internet con una connessione tradizionale (56 Kbps) riusciremmo a mala pena a leggere dei Cabrai e ad avviare una ricerca su Togo, ma ci dovremmo accontentare di un’attesa interminabile che ci porterebbe a desistere e a reprimere il nostro legittimo desiderio di conoscenza. A questo punto entra in scena l’ADSL come un tentativo di venire incontro al ritmo del nostro pensiero, garantendoci la possibilità di passare da un argomento all’altro (in termini internautici, da una pagina all’altra) con la stessa velocità di sviluppo e di movimento dei nostri stessi pensieri.

Questo (e TANTO ma tanto altro) è quello di cui siamo stati privati fino ad oggi. Di chi è la colpa?

E’ colpa della politica per aver ignorato un simile strumento che mette l’individuo in condizioni di aprirsi al mondo con un semplice clic del mouse?

E’ colpa dei cittadini che non si sono mai interessati realmente alle potenzialità che una tale connessione offre? giuseppe pellitteri

E’ colpa della telecom per avere trascurato i paesi piccoli economicamente ed “inevitabilmente” poco produttivi?giuseppe pellitteri

O forse è colpa di tutti? giuseppe pellitteri

Oggi la situazione è notevolmente cambiata. L’ADSL c’è. Di chi è il merito?

E’ merito della politica per avere effettuato le dovute pressioni ai dirigenti delle compagnie telefoniche?

E’ merito dei cittadini che, dopo avere tardivamente consapevolizzato le potenzialità infinite della banda larga, hanno deciso di lamentarsi per questa grave assenza?

E’ merito della telecom per aver dato il giusto peso alle necessità e alle richieste di un piccolo paese che non vuole restare lontano dai continui progressi scientifici, tecnologici, sociali, culturali, progressi che l’uomo che vuole vivere nella piena totalità il suo tempo ha il diritto e il dovere di seguire per trarne il giusto beneficio?

O forse è merito di tutti?

Potremmo discuterne a lungo, ma non si troverebbe mai una risposta chiara e precisa.

Certo è che la telecom in questi ultimi anni ha maggiormente pensato a fornire il servizio di banda larga alle città e a quei paesi le cui dimensioni risultavano economicamente più vantaggiose, trascurando del tutto i piccoli centri.

E’ altrettanto vero che il nostro sindaco ha minacciato di fare querela alla telecom per i continui, numerosi e gravissimi blocchi telefonici, sollecitando contemporaneamente l’attivazione di un servizio che mettesse i cittadini in condizione di navigare su internet a velocità accettabile.

Ma quello che è ancora più importante e che spesso viene trascurato, è la funzione del semplice cittadino che, a volte, diviene determinante.

E’ il caso di segnalare le pressioni mediatiche del nostro compaesano Salvatore Maria Saia (Totino), il quale, stanco dei continui blackout della nostra linea telefonica, consapevole del valore che l’adsl può offrire, ha deciso di segnalare le continue disfunzioni della linea e la grave assenza di un servizio che mette l’uomo in condizione di informarsi su eventi, personaggi straordinari, assassini efferati, in poche parole conoscere l’individuo con tutte le sue contraddizioni, le sue sfaccettature e le sue meravigliose capacità.

venerdì 28 marzo 2008

TUTTO IL CALCIO (E LO SPORT) GRATIS!!!


Solitamente il termine "gratis" dovrebbe indicare l'uso di un bene o servizio senza pretendere alcun pagamento, ma purtroppo su internet non funziona proprio così. Molte volte vi sarà capitato di voler scaricare "gratuitamente" suonerie per il cellulare, giochi e quant'altro, accorgendovi che dietro c'era sempre un trucco pronto per spillarvi denaro.
Ma esistono siti che definisco "ISOLE FELICI" dove il termine gratis ritrova la sua vera identità.

Andiamo al nocciolo del problema.
Molti di voi si saranno chiesti: "se ho una connessione a banda larga, ma non posso permettermi un abbonamento sky o mediaset premium, ho qualche chance di vedere le partite?" EBBENE SI'.
Esistono le Peer to Peer Television. Non vi sto a spiegare il principio di funzionamento del peer to peer, ma come sfruttarlo. Vi spiego brevemente. Ormai sono 3/4 anni che guardo le partite del campionato italiano e della Champions League completamente a gratis. differenza per esempio con Mediaset Premium, e che invece di Piccinini, come telecronista vi ritroverete un cinese (risate garantite) o qualche altro di qualche altra nazione. Ma chi se ne frega. L'importante sono le immagini. L'unica piccola pecca è che le partite con il peer to peer le vedete con qualche minuto (circa 3) di ritardo, quindi la radio potrebbe anticiparvi di poco.
Esistono programmi che vi permetteranno di vedere tutto lo sport ad una qualità accettabile. Effettivamente la qualità dipende dal bitrate del canale. Più alto è e meglio si vedrà l'evento sportivo.
Qui sotto riporto tutto il software necessario e i vari siti che mettono a disposizione la programmazione dei vari eventi.

I programmi per vedere le partite di calcio gratis sul web:

I siti dove trovare canali e programmazione delle partite trasmesse in streaming:

Piccoli trucchi: installate i programmi (anche tutti) andate su un sito dell' elenco (ad esempio MyP2P), cercate l'evento sportivo desiderato ed infine cliccate sul link del canale. Automaticamente si aprirà il programma che avete precedentemente installato.
E' FONDAMENTALE SELEZIONARE IL CANALE ALMENO 15 MINUTI PRIMA DELL'INIZIO DELL'EVENTO PER UNA STABILIZZAZIONE DEL FLUSSO DI DATI.

CHI SIAMO

Questo blog nasce il 28 Marzo del 2008. Il suo fondatore, un certo Peppino, in un momento di profonda disperazione a causa di un accesissimo litigio con un oscillatore Meissner, decide di creare un'isola lussureggiante dove potersi riposare, nell'immenso oceano qual è internet.

Le prime settimane di vita sono state segnate da un numero di visite pressocchè nulle. Ma Peppino è un interista, e come è noto il motto principale di un neroazzurro che si rispetti è: NON MOLLARE MAI!
Pian piano gli internauti iniziano a generare un traffico sempre crescente. Si passa dalle 3 visite giornaliere alle 6, 12, 24, 48. In meno di 3 mesi i visitatori iniziano a crescere in maniera lenta ma continua.

La svolta arriva nell'ottobre 2008, quando entrano a far parte del gruppo degli amministratori la futura scrittrice Katia Capobianco, l'esperto informatico Salvatore Monella e l'ingegnere Giuseppe Difalco.

Nei mesi successivi arrivano le prime soddisfazioni: centinaia di visite giornaliere (a volte pure qualche migliaio), articoli citati da importanti giornali a tiratura nazionale e un'indicizzazione pressocchè totale nei più importanti motori di ricerca mondiali.

A questo punto bisognava cambiare indirizzo e nome del sito. Il vecchio www.giuseppepellitteri.blogspot.com era diventato obsoleto e il nome (IL BLOG DI UNO QUALSIASI) troppo qualunquista.

La scelta di un nuovo nome è stata difficilissima.
Trovare una parola che racchiuda il contenuto di un intero sito non è semplice. Lo sarebbe stato se gli argomenti trattati avessero avuto una tematica ben definita. Ma in quel caso sarebbe stato troppo elementare.
Immaginate allora un Salvatore che propone 6000 nomi al minuto, una Katia che riesce a scuotere la testa per sottolineare un qualcosa che non và per 100 volte in un secondo, un Giuseppe che cerca di conciliare le parti ed un Peppino sdraiato su una sedia reclinabile perso nei suoi pensieri ( * vedi nota in fondo alla pagina).

Nonostante le tante divergenze siamo riusciti a far convergere le nostre idee in un unico nome BLOGPENSIERE. I motivi sono principalmente 2:

1) Il nome ricorda quel simpaticissimo paesello dell’entroterra siculo che ci ha visto crescere e al quale siamo molto affezionati.

2) Pensiere è una variazione (non molto usata, ma utile per il nostro scopo) della parola pensiero. Questo blog è fortemente atipico: esso racchiude notizie, riflessioni, idee, proposte e considerazioni su tematiche più disparate. Dunque i nostri punti di vista dai quali possono trasparire i nostri pensieri.

Fortunatamente BigG (ovvero il grande e potente Google) non lascia mai indietro nessuno. Il vecchio indirizzo (www.giuseppepellitteri.blogspot.com) non sarà cancellato, quindi se qualcuno vorrà farci visita potrà continuare a digitarlo, ma il consiglio è quello di aggiornare il link accedendo direttamente con il nuovo indirizzo www.blogpensiere.com poichè tale pagina caricherà in un tempo decisamente inferiore e le lettere da digitare sono 16 in meno.


(*)Mi sono perso nei miei pensieri. Era un territorio non familiare




BlogPensiere's team.
Da sinistra a destra Salvatore Monella, Giuseppe Pellitteri (Peppino), Katia Capobianco e Giuseppe Difalco




Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails