lunedì 29 giugno 2009

La Confraternita di Bompensiere ad Orvieto...ecco le foto




sabato 27 giugno 2009

La confraternita di Bompensiere ad Orvieto per il raduno nazionale

Il 20 e 21 giugno ha avuto luogo ad Orvieto (Umbria) il “XVIII Cammino di Fraternità delle Confraternite delle Diocesi d’Italia”.
L’unica confraternita del più piccolo comune della provincia e diocesi di Caltanissetta, dedicata al SS.mo Sacramento, ha rappresentato con onore tutte le associazioni confraternali della diocesi nissena la quale ha meritato pure, e quasi per caso, un posto in prima linea all’interno del magnifico Duomo di Orvieto grazie all’emblema del SS.mo Sacramento nell’ostensorio ricamato sull’abitino dei confrati.

I moderatori ed organizzatori del raduno hanno subito individuato nella nostra confraternita l’abito più adatto alla celebrazione dell’evento, sebbene tra gli ultimi a sfilare lungo le vie di Orvieto per l’ingresso solenne ed ordinato in cattedrale: quando si dice “gli ultimi saranno i primi”! Del resto l’occasione della costruzione della stupenda cattedrale di Orvieto fu il miracolo eucaristico di Bolsena, lungo la grande via di pellegrinaggio detta Francigena.
Il corporale insanguinato miracolosamente nel 1263 durante la “fractio panis” (frazione del pane eucaristico) da parte di un sacerdote scettico boemo in pellegrinaggio verso Roma, di nome Ilario, ha dato origine alla festa del “Corpus Domini” promulgata da Papa Urbano IV a partire dall’anno seguente (1264), mentre l’anno 1290 segna l’inizio della costruzione della cattedrale di Orvieto per custodire la preziosa reliquia.

La nostra confraternita, accompagnata dal Sacerdote Francesco Novara, sentendosi coinvolta improvvisamente in prima linea, ha vissuto con maggiore attenzione ed entusiasmo la celebrazione eucaristica presieduta dal Vescovo di Orvieto-Todi Mons. Giovanni Scanavino, facendo tesoro delle sue preziose parole pronunciate durante l’omelia, ed accogliendo con gioia il richiamo del Cardinale Armando Brambilla Ausiliare di Roma, delegato nazionale per le confraternite, a non fare delle confraternite un club bensì un luogo di testimonianza di vita autenticamente cristiana e di servizio nella chiesa, in comunione con i propri parroci e con gli assistenti spirituali.

La permanenza prolungata di altri due giorni in Umbria ha permesso di visitare inoltre Bolsena, luogo dell’avvenuto miracolo, Assisi, Cascia, Roccaporena e Norcia, patria dei santi Francesco e Chiara, Rita, Benedetto e Scolastica nonché luoghi d’arte, di preghiera e di riposo a cui fanno cornice paesaggi incantevoli di una natura verde e lussureggiante.
In occasione della visita a Cascia e a Roccaporena (località nativa di Santa Rita), le monache Agostiniane ci hanno consegnato dietro nostra richiesta una reliquia ex tunicae della Santa degli impossibili.
Sono stati acquistati un calice, una patena ed una pisside che saranno benedetti durante la celebrazione eucaristica di domenca 28 Giugno alle ore 19:00.


Il vostro Parroco Francesco Novara




venerdì 26 giugno 2009

ITALIA - GERMANIA 0 - 1

SE UNA LAMETTA JOHSON COSTA 100 LIRE, SETTE LAMETTE JOHSON QUANTO COSTA?




Camposcuola 2009

La Parrocchia SS.mo Crocifisso di Bompensiere
e' lieta di annuciare, l'inizio del


Ciao, Ragazzi,
volete fare un'esperienza davvero straordinaria?
C'è un avventura che vi aspetta!
Ti invitiamo a partecipare alla riunione che avrà inizio alle
ore 20:00, Venerdi 03 Luglio 2009,
presso la Canonica Parrocchiale.
Vi sarà data la possibilità di partecipare da protagonisti al

Camposcuola 2009

Attenzione!! Per poter partecipare dovrai essere presente all'incontro.
Quindi cancella i tuoi impegni, e ricorda che il treno per il Camposcuola stà per partire, non perdere quest'occasione.

N.B. L'invito è rivolto ai ragazzi che hanno finito le scuole dell'obbligo.

mercoledì 24 giugno 2009

L’OSTERIA DEL TRICOLORE

OGNI STATO HA I RAPPRESENTANTI CHE SI MERITA


lunedì 22 giugno 2009

VERGOGNA TELECOM A BOMPENSIERE

IL BLOG NON E’ MORTO, SIAMO SOLO IN UNO STATO DI IBERNAZIONE

telecom2

E non è colpa nostra. Secondo le fonti ufficiali è stato un fulmine a colpire il cavo che collega la linea dati di Bompensiere a Milena. Ecco spiegato il motivo della connessione alla banda larga assente. Problema facilmente risolvibile, appianabile. Ma non per Bompensiere.

In fondo cosa gliene frega alla Telecom di una trentina di abbonati che non possono controllarsi la posta, che non possono fare ricerche per la tesi di laurea, cercare ragazze su Facebook, di imprenditori che non riescono ad accedere alle gare d’appalto online o di giocatori che perdono qualche centinaia di migliaia di euro alla borsa. Niente. Assolutamente niente.

22 giorni, 528 ore, 31680 minuti di silenzio. Il modem mi indica che è tutto ok, la spia verde mi fissa di continuo quasi mi dicesse: “cazzo guardi?” Anche gli operatori che mi rispondono al telefono sembrano straniti: “A noi non risulta nessun problema. Ci dispiace. Guarda se hai collegato il cavo al pc”. (Traduzione: se sei un povero pirla cosa ci posso fare? Adesso non logorarmi più i maroni). Dopo queste risposte mi piacerebbe tanto prendere quel cavo e ispezionargli la valvola ileo-cecale.

E domani (forse) potrete leggere questo post.

E’ da anni che la banda larga è considerata un servizio essenziale e la telecom lo sa benissimo. Eppure dobbiamo sorbirci disservizi continui, velocità nettamente inferiori (più di 11 volte) a quelle stabilite nel contratto e dire pure grazie. Pagare, avere continui problemi e rendere grazie.

In tutta questa baraonda i politici locali dovrebbero, potrebbero fare molto di più.

Concetti come affidabilità, stabilità di servizio (sia telefonico che ADSL) sempre e in qualunque situazione sono pressoché sconosciuti. Soprattutto quando piove, quando nevica o quando un cane piscia sotto un traliccio del telefono.

Se pretendo un “adattamento della velocità di connessione” conforme alla bolletta pagata, non credo di esigere un qualcosa che non mi spetta. Non mi bastano 640 Kbps per vedermi un dannatissimo video su youtube. Mi tocca farlo caricare almeno fino a metà e sperare che il cursore non raggiunga la linea rossa di caricamento. E’ diventato quasi un gioco. Abbiamo pure aperto una bisca clandestina di scommesse per stabilire chi arriva per prima.




sabato 20 giugno 2009

El delfín... La historia de un soñador

Il Romanzo, "Il Delfino" di Sergio Bambarèn diventa un film!

Nuovo importante impegno produttivo per Passworld: la società di produzione e distribuzione di Lorenzo Von Lorch, già impegnata in numerosi progetti internazionali, è coproduttrice del lungometraggio tratto da "IL DELFINO", bestseller di Sergio Bambarén che ha venduto milioni di copie in 37 paesi in tutto il mondo, rivelandosi uno dei maggiori successi librari dell'ultimo decennio - oltre 5 milioni di copie vendute solo in Italia e Germania. Prodotto da Dolphin Films, Passworld e ABS in associazione con DDG, il film, attualmente in fase di sviluppo, sarà un lungometraggio in animazione 3D realizzato con la tecnica CGI, con personaggi particolarmente curati nei minimi dettagli e ambientazioni marine molto realistiche. Un film per un pubblico di tutte le età, altamente spettacolare, con tutte le caratteristiche di qualità dei grandi blockbuster americani.
Nel corso della conferenza stampa che si è svolta il 12 marzo, a Lima, in Perù, è stato ufficializzato il primo accordo, stipulato con 20th Century Fox, per la distribuzione theatrical del film in tutti i paesi dell'America Latina dal 2009. Il lancio partirà a giorni, con oltre un anno di anticipo sull'uscita, con la proiezione del teaser di pre-produzione in abbinamento a titoli di grande richiamo.
Sergio Bambarén è impegnato in prima persona nel progetto per trasferire nell'animazione tutta la forza della storia, per preservare le emozioni nel passaggio dal racconto al film, e per seguire direttamente chi sviluppa i disegni e le animazioni in modo da rendere al meglio "l'anima profonda" di ciascun personaggio.
"La produzione de IL DELFINO rappresenta un momento importantissimo nello sviluppo di Passworld che, in questo modo, consolida il proprio impegno nella realizzazione di progetti sempre più impegnativi" - ha dichiarato Lorenzo Von Lorch, presente a Lima, alla conferenza stampa - "La notorietà del romanzo da cui è tratto, la qualità dell'animazione 3D che sarà realizzata, il coinvolgimento di Bambarén stesso, rendono questo film di estremo interesse per un pubblico internazionale, e in particolare per l'Italia, uno dei paesi dove il libro ha avuto maggiore successo arrivando alla 35ª edizione. Nel corso delle prossime settimane ci concentreremo nel cercare di definire un accordo di distribuzione per l'Italia su cui riponiamo grandi aspettative; subito dopo cominceremo a valutare le proposte per la distribuzione nel resto dei territori." (fonte: www.zabriskiepoint.net)

In anteprima il trailer il lingua spagnola...

martedì 16 giugno 2009

CONFEDERATIONS CUP

Da Paolo Rossi, a Giuseppe Rossi, a De Rossi. Divento rosso solo a pensarci.


domenica 14 giugno 2009

Corpus Domini a Bompensiere

La solennità del Corpus Domini (espressione latina che significa Corpo del Signore), più propriamente chiamata solennità del santissimo Corpo e Sangue di Cristo, è una delle principali solennità dell'anno liturgico della Chiesa cattolica. Si celebra il giovedì successivo alla solennità della Santissima Trinità.[1]

Rievoca, in una circostanza liturgica meno carica, la liturgia della Messa in Cena Domini del Giovedì Santo. (Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.) http://it.wikipedia.org/wiki/Corpus_Domini



sabato 13 giugno 2009

La lezione della Farfalla

Un giorno, apparve un piccolo buco in un bozzolo; un uomo che passava per caso, si mise a guardare la farfalla che per varie ore, si sforzava per uscire da quel piccolo buco.

bozzolo_farfalla

Dopo molto tempo, sembrava che essa si fosse arresa ed il buco fosse sempre della stessa dimensione. Sembrava che la farfalla ormai avesse fatto tutto quello che poteva, e che non avesse più la possibilità di fare niente altro.

Allora l’uomo decise di aiutare la farfalla: prese un temperino ed aprì il bozzolo.
La farfalla uscì immediatamente. Però il suo corpo era piccolo e rattrappito e le sue ali erano poco sviluppate e si muovevano a stento.

L’uomo continuò ad osservare perché sperava che, da un momento all’altro, le ali della farfalla si aprissero e fossero capaci di sostenere il corpo, e che essa cominciasse a volare.

farfalla 01

Non successe nulla! In quanto, la farfalla passò il resto della sua esistenza trascinandosi per terra con un corpo rattrappito e con le ali poco sviluppate.

Non fu mai capace di volare.

Ciò che quell’uomo, con il suo gesto di gentilezza e con l’intenzione di aiutare non capiva, era che passare per lo stretto buco del bozzolo era lo sforzo necessario affinché la farfalla potesse trasmettere il fluido del suo corpo alle sue ali, così che essa potesse volare. Era la forma con che Dio la faceva crescere e sviluppare.

farfalla_02

A volte, lo sforzo è esattamente ciò di cui abbiamo bisogno nella nostra vita.

Se Dio ci permettesse di vivere la nostra esistenza senza incontrare nessun ostacolo, saremmo limitati. Non potremmo essere così forti come siamo. Non potremmo mai volare.

Chiesi la forza...e Dio mi ha dato le difficoltà per farmi forte.

Chiesi la sapienza...e Dio mi ha dato problemi da risolvere.

Chiesi la prosperità...e Dio mi ha dato cervello e muscoli per lavorare.

Chiesi di poter volare...e Dio mi ha dato ostacoli da superare.

Chiesi l’amore...e Dio mi ha dato persone con problemi da poter aiutare.

Chiesi favori...e Dio mi ha dato opportunità.

Non ho ricevuto niente di quello che chiesi. Però ho ricevuto tutto quello di cui avevo bisogno.








venerdì 12 giugno 2009

Padre Franceso Novara Superinternauta


L'immagine che vi propongo è stata creata da (niente e poco di meno che) Padre Francesco Novara.
Grazie a "Sketchup", un programma che si può scaricare gratuitamente su Google.

Con Google SketchUp puoi creare, modificare e condividere modelli 3D. Inoltre è molto più semplice da imparare rispetto ad altri programmi di modellazione 3D.
Per scaricare il programma ecco il link:
http://sketchup.google.com/intl/it/

Inoltre potete visitare i seguenti link per ammirare le altre opere in 3d del nostro "SuperParroco".

http://sketchup.google.com/3dwarehouse/details?mid=16a30040d4c756e6c9d7d8af67a9cf4c
http://sketchup.google.com/3dwarehouse/details?mid=c8bc7882e76442581e26fbb8365cbf5b
http://sketchup.google.com/3dwarehouse/details?mid=4e27da8b4d5110d1dd85baf3dfd7b680

Ciao...e alla prossima!! ;-)


giovedì 11 giugno 2009

Ho buttato la sveglia dalla finestra per vedere se è vero che "il tempo vola"

Ed ho scoperto che lui vola e noi no. In fondo strano sarebbe se noi volassimo e il tempo no. Il cielo sarebbe pieno di uomini con l'orologio fermo.

Lo so che sto trascurando un po' il blog, ma non è colpa mia, ve lo assicuro. Vorrei impiegare le poche ore libere per leggere, scrivere, giocare a calcio o cazzeggiare in santa pace. Ma non è possibile. Il tempo è tiranno e sfortunatamente non si può arrestare. Bisogna quindi correre, e pure molto velocemente, onde evitare che mi sfugga di mano.

Avevo centinai di argomenti da trattare: le elezioni europee, il caso Noemi, gli oltre 200 voti raccolti dall’Mpa a Bompensiere, il caso Kakà, l’evoluzione dei cassonetti Palermitani, ma tutti questi temi sono stati miserevolmente riposti dal mio ippocampo in un ripostiglio dell'encefalo.

Ma questo è un periodo così, un po’ incasinato. In fondo il mio amico Tonino ha ragione quando dice che viviamo in un mondo difficile: vita intensa, felicità a momenti e futuro incerto.

Adesso scusatemi ma devo ricominciare a correre.

y1pzpp5gtigwKCMvu4KX_XshotgsHFFWS18-W41jOuNbZHbK0AgViXwwMsDvQO6QZ79bgkaQJkUQIs



martedì 9 giugno 2009

domenica 7 giugno 2009

CASO SANJUST: " FORSE" C'È QUALCOSA DI VERO


Devo dire che questo "scandalo" mi ha proprio preso. Potrei sembrare un comunista estremo, ma vi giuro che non è così. La mia è solo voglia di capire: è reale persecuzione, oppure una persona da marcare a uomo "alla Gattuso"???

Devo dire che più passa il tempo più mi convinco che non tutti i magistrati sono eredi diretti di Stalin o qualche suo militante. A mio modo di vedere, è altamente improbabile. Mettiamola così: forse stare dietro a tutti gli affari e la passione viscerale per la politica fino a dedicarsi anima e corpo ad essa accettandone onori e oneri, lo ha portato a non riuscire a separare bene le cose.

Girovagando su Internet ho letto un articolo che mi ha molto interessato e narra della cronologia esatta dei fatti secondo l'ex agente del SISDE Federico Armati. Oltre a rimandarvi ad esso per una migliore conoscenza dell'accaduto, in attesa che Berlusconi dia la sua versione in parlamento, vi segnalo anche un documento. È una lettera del nostro Premier che conferisce la qualifica di "esperto nell'ambito dell'ufficio stampa" alla signora Virginia Sanjust e stabilisce per lei un compenso economico di 36000 € annui. Alcuni di voi penseranno che non significa nulla, ma certo sarete d'accordo con me che non smentisce nemmeno la tesi dell'ex 007.

Clicca sull'immagine per
andare al documento

venerdì 5 giugno 2009

POTERE DA CAPOGIRO: IL CASO SANJUST


Piuttosto che focalizzare l'attenzione sulle foto publicate da El Pais su Berlusconi e i suoi festini, volevo parlarvi d'altro. Credetemi non è meno scioccante... Si tratta di come il nostro illustrissimo Premier riesce a fare e disfare a proprio piacimento sfruttando il potere, che noi italiani, gli abbiamo dato. Persone che già hanno un posto di lavoro nei servizi segreti vengono licenziate, inspiegabilmente, per poi essere riassunte altrove. Processi che vengono archiviati dal Tribunale dei Ministri senza alcuna motivazione e, per di più, senza nessuna reazione... Di queste cose non se ne parla in tv e non se ne sà il motivo. Alcuni dicono che ormai non c'è più un giornalismo serio, altri rispondono dicendo che tutto è fazioso.

Rimane comunque impressionante il fatto che molte cose siano occultate e che quando emerge la punta dell'iceberg tutti si stracciano le vesti gridando "alla santità della sfera privata", ai giudici partitocratici pronti con il bastone a perquotere il potente di turno (ed è noto a tutti che in Italia ce n'è solo uno).

Quello che vi sto scrivendo potrebbe sembrare frutto di droghe (di cui non faccio uso). Tutto vi sarà piu chiaro guardando i video qui sotto. Sono un pò lunghetti, ma credetemi che vale la pena guardarli. RESISTETE... Che televisione e giornali non siano "liberi" penso sia sotto gli occhi di tutti, ma per fortuna c'è ancora Internet come finestra nel mondo dell'informazione veramente libera e democratica.

MEDITATE GENTE...MEDITATE

Prima parte



Seconda parte








mercoledì 3 giugno 2009

DESIGNAZIONE DEGLI SCRUTATORI: UN SISTEMA SBAGLIATO


Ciao a tutti,
è la prima volta che scrivo in questo blog, e inizio con una riflessione critica, sul sistema riguardante la scelta degli scrutatori nelle sezioni elettorali. Con la legge 21 dicembre 2005, n. 270, “Modifiche alle norme per l’elezione della camera dei deputati e del senato della repubblica”,si affida alla Commissione elettorale comunale la nomina degli scrutatori, per ogni sezione del comune, scegliendoli tra i nominativi compresi nell’albo degli scrutatori, e non più con il sorteggio come avveniva tempo fa.

A mio parere tale sistema va condannato, perchè non porterà più ad una scelta casuale degli scrutatori, ma partitocratrica: verranno solo chiamati coloro che sono vicini ad un partito politico ed inoltre si corre il rischio che non ci sia più un continuo rimescolamento dei componenti dei seggi, cosa che garantiva il controllo contro eventuali brogli.
Basta con questo clientelismo…

Se ci pensate adesso avremo i presidenti di seggio,che sono sempre quelli, i segretari(che sono nominati dai presidenti) sempre quelli e pure gli scrutatori?!?!
Questo è un decreto gravissimo, perché va a colpire quella fascia di cittadini priva di appoggi politici e di rappresentanti all’interno del comune.

In un momento così difficile, di crisi, mi domando il perché non si vadano a cercare all’interno della comunità quei cittadini in attesa di un lavoro, con reddito familiare basso o studenti, che avrebbero sicuramente maggiori necessità di “guadagnare” questa ragguardevole somma.

Trovo incredibile come non si riesca, nemmeno in queste occasioni, a dare pari opportunità di giustizia ai cittadini.
Mi sembra che ogni giorno che passa, ci allontaniamo sempre più da quel modello politico chiamato DEMOCRAZIA, con il quale si è cercato di porre rimedio, sostituendolo alla dittatura.

Spero, quindi, che le autorità competenti valutino questa idea, scegliendo dall’albo, se non per queste votazioni, ma bensì dalle prossime, le persone più adatte a ricoprire questo ruolo secondo i criteri sopra elencati.
Invito, pertanto chiunque, a volersi esprimere a riguardo e a cogliere l’opportunità per dare un segnale di novità e di rilancio nella politica corrente.

Giuseppe Tona

Risparmio energetico nella casa siciliana

martedì 2 giugno 2009

LA MUNIZZA NI VINCI' (*)

INVENTATO NUOVO TIPO DI INCENERITORE A PALERMO

Ieri sera prima di andare a mangiare pollo dallo zio Sem a Monreale, decido di fotografare l'evoluzione dell'accumulo dell'immondizia nel cassonetto:


Rientrando a casa, dopo la piacevole serata, la puzza per le strade risultava insopportabile e il rischio di incontrare topi affamati era esageratamente alto. Mentre mi accingevo a prendere le chiavi di casa per aprire il portone sento rumoreggiare proprio sopra la montagna di rifiuti. Circospetto mi giro notando una signora misteriosa che apre il balcone del primo piano e riesce ad appoggiare delicatamente il suo sacco nero sopra centinai di altri sacchi variopinti. Guardandola in volto mi ha fatto un pò pena. La povera donna avrà pensato: "domani riuscirò ad aprire il mio balconcino?".


Ore 00:15. Decido di abbracciare le tiepide lenzuola nella speranza di risvegliarmi senza sentire più l'odore nauseabondo proveniente dalle strade.


Ore 3:00. Un'esplosione interrompe il mio stato fisiologico di sospensione delle attività psichiche superiori e della iniziativa motoria. Stranamente mi gira la testa e le mie narici sono fortemente intasate. Mi accingo alla finestra e noto una strana luce. Fuoco e fiamme lambiscono il balcone della signora misteriosa che evita di aprirlo onde evitare di trasformarsi in una torcia umana.


Ore 3:30. Arrivano i pompieri quando c'è poco da spegnere. Le macchine che erano posteggiate vicino i cassonetti, ormai abbrustoliti, sono di uno spento color cenere.


Ore 3:41. Sigillo la mia stanzetta, ormai stracolma di fumo, e decido di appisolarmi sul divano, mentre tutto il quartiere è in preda ad isteria generale.


Ore 4:15. Nella stanza contigua, nonostante i botti, le luci, il fumo, la palazzina in preda al panico e qualche mio personalissimo vaffanculo alla vita ed al mondo tutto, c’è chi russa riproducendo la nona sinfonia di Beethoven.


Ore 4.27. La diossina, in sinergia con la spasmodica voglia di dormire, ha un effetto fortemente allucinogeno. Riesco a parlare con Gesù!

Ore 4.45. Nell’altra stanza si passa al valzer turco.

Ore 5.15. Anche la sveglia sembra animarsi. Inizia a parlarmi ricordandomi che tra meno di un’ora comincerà a rompermi i maroni. Maledicendo l’Amia, gli operatori ecologici, i politici ed i dirigenti arraffoni mi preparo ad affrontare una nuova e magnifica giornata universitaria.



(*) Per i non siciliani: L'IMMONDIZIA HA VINTO




Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails