martedì 2 giugno 2009

LA MUNIZZA NI VINCI' (*)

INVENTATO NUOVO TIPO DI INCENERITORE A PALERMO

Ieri sera prima di andare a mangiare pollo dallo zio Sem a Monreale, decido di fotografare l'evoluzione dell'accumulo dell'immondizia nel cassonetto:


Rientrando a casa, dopo la piacevole serata, la puzza per le strade risultava insopportabile e il rischio di incontrare topi affamati era esageratamente alto. Mentre mi accingevo a prendere le chiavi di casa per aprire il portone sento rumoreggiare proprio sopra la montagna di rifiuti. Circospetto mi giro notando una signora misteriosa che apre il balcone del primo piano e riesce ad appoggiare delicatamente il suo sacco nero sopra centinai di altri sacchi variopinti. Guardandola in volto mi ha fatto un pò pena. La povera donna avrà pensato: "domani riuscirò ad aprire il mio balconcino?".


Ore 00:15. Decido di abbracciare le tiepide lenzuola nella speranza di risvegliarmi senza sentire più l'odore nauseabondo proveniente dalle strade.


Ore 3:00. Un'esplosione interrompe il mio stato fisiologico di sospensione delle attività psichiche superiori e della iniziativa motoria. Stranamente mi gira la testa e le mie narici sono fortemente intasate. Mi accingo alla finestra e noto una strana luce. Fuoco e fiamme lambiscono il balcone della signora misteriosa che evita di aprirlo onde evitare di trasformarsi in una torcia umana.


Ore 3:30. Arrivano i pompieri quando c'è poco da spegnere. Le macchine che erano posteggiate vicino i cassonetti, ormai abbrustoliti, sono di uno spento color cenere.


Ore 3:41. Sigillo la mia stanzetta, ormai stracolma di fumo, e decido di appisolarmi sul divano, mentre tutto il quartiere è in preda ad isteria generale.


Ore 4:15. Nella stanza contigua, nonostante i botti, le luci, il fumo, la palazzina in preda al panico e qualche mio personalissimo vaffanculo alla vita ed al mondo tutto, c’è chi russa riproducendo la nona sinfonia di Beethoven.


Ore 4.27. La diossina, in sinergia con la spasmodica voglia di dormire, ha un effetto fortemente allucinogeno. Riesco a parlare con Gesù!

Ore 4.45. Nell’altra stanza si passa al valzer turco.

Ore 5.15. Anche la sveglia sembra animarsi. Inizia a parlarmi ricordandomi che tra meno di un’ora comincerà a rompermi i maroni. Maledicendo l’Amia, gli operatori ecologici, i politici ed i dirigenti arraffoni mi preparo ad affrontare una nuova e magnifica giornata universitaria.



(*) Per i non siciliani: L'IMMONDIZIA HA VINTO




1 commento:

  1. Vieni a Bompensiere dove tutto è pulito .

    RispondiElimina

DISCLAIMER

I commenti vengono moderati dagli amministratori.

I commenti non hanno l'attributo NoFollow; quindi se lasci un commento inserendo il tuo sito nell'apposito spazio Google lo vedrà come un "good link"; consideratelo un regalo per chi lascia il suo parere :).

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails