mercoledì 26 agosto 2009

Festa dei quarantenni a Bompensiere

1969 – 2009


Anno 1979. Quinta elementare di Bompensiere. Da sx in alto: Peppuccia Montalto, Anna Martorana, insegnante Adele Palumbo, Mariella Guarino, Antonella Diliberto, Insegnante, Santina Martorana, Santa Guarino, Giuseppina Sorce. In basso da sx: Salvatore Losardo, Mario Campanella, Matteo Anelli.


Correva l’anno 1969 e mentre il mondo intero attendeva tra incredulità e stupore la realizzazione di un evento che si preannunciava epocale, per dimostrare la somma potenza dell’uomo che sfidando la forza gravitazionale e l’ignoto sarebbe arrivato a profanare il mare della tranquillità e a lasciare la propria impronta sulla superficie lunare… a Bompensiere ignari di cotanta trepida azione emettevano i primi vagiti 12 pargoli preziosissimi per incrementare la popolazione.

Piccoli “nadurisi” crescono, e le rimpiante suore francescane della scuola materna “Immacolata concezione” li accolgono per avviarli all’educazione e alla socializzazione. Ancora ricordiamo l’atmosfera serena e giocosa, animata talvolta dal “bagnetto” nella piscina a stella di qualche discolo che sfuggiva alla sorveglianza di suor Eminia. E mentre l’odore della pastina invadeva il salone e l’aula, alternavamo giuochi, prove di canto e recite per la festa del papà del parroco, evento che coinvolgeva grandi e piccoli e richiama un foltissimo pubblico.

Al suono della prima campana impettiti nel grembiulino nero e fiocco rosso facevamo ingresso alla scuola elementare “De Amicis”, tra lo sguardo “truce” della signora bidella (ad honorem) e l’amorevole accoglienza della maestra Adele Palumbo che timbrando la A di ape il candido foglio del nostro primo quaderno iniziò la nostra alfabetizzazione. Siamo stati alunni buoni e rispettosi e per questo, talvolta, premiati con qualche genuino pistacchio!

Trascorrevano serenamente gli anni della nostra vita. spensierati passavamo le giornate tra lo studio mattutino e il doposcuola pomeridiano con il maestro Petix che ci stupì con il primo gioco interattivo in TV (l’archetipo del Nintendo) e la maestra Aronica che dava sfogo alla nostra creatività tra pennelli, colla vinilica e seghetti!!! Ancora sudiamo a ricordare le interminabili partite a palloncino e a palla avvelenata.

E poi le nostre vite hanno intrapreso percorsi diversi ma tutti senza lasciarci abbagliare da sogni effimeri e vane illusioni, abbiamo vissuto una vita sana e serena, ed ognuno nel proprio piccolo ha realizzato un sogno.


18 Agosto 2009, ristorante Colle dei Venti. Da sx in alto: Mariella Guarino, Antonella Diliberto, Santina Martorana, Giuseppina Sorce, Santa Guarino. In basso da sx: Salvatore Losardo, Mario Campanella, Matteo Anelli.



CURIOSITA’ DEI NATI NEL 1969

ANELLI MATTEO: risolveva i problemi di matematica con facilità, ha lasciato il ridente paesino per vivere a Milena e ha trovato l’anima gemella, futuro papà.

CAMPANELLA MARIO: il ruolo di cacciatore con fucile d’ordinanza nel presepe vivente fu impeccabile, già allora sognava la divisa e l’ARMA lo ha accolto, vive a Roma con moglie e figlio.

CAPOBIANCO FELICIA: supermamma di quattro figli, la più prolifire tra le donne, vive in paese.

CARBONE JOSEPHINE: nata a Jeouf (Francia) dove vive e lavora, ma da sempre frequentatrice del paese che le ha dato i natali.

DILIBERTO ANTONELLA: non ha mia risolto un problema di matematica, ma si commossa ascoltando la lettura del libro Cuore, vive e lavora a Palermo, mamma in attesa del secondo bebè.

GUARINO MARIELLA: ordinatissima, ora come allora ha il viso incorniciato da una montagna di ricci, ha messo su famiglia in paese, mamma di un bimbo.

GUARINO SANTA: carattere deciso e forte, dopo un decennio trascorso in Germania è tornata in paese per sposarsi e diventare mamma di due bambini.

LOSARDO SALVATORE: serissimo nel ruolo di S. Giuseppe nel presepe vivente della quinta elementare (1979), preludio del ruolo che avrebbe rivestito da grande, un superpapà di cinque maschi, vive in paese.

MARTORANA SANTINA: portava in classe ottime ciambelline preparate dalla mamma, vive e lavora ad Aix-Les-Bains (Francia), mamma di due ragazzi.

MONELLA FRANCESCO: nato e cresciuto a Milena, ora risiede in paese per aver sposato una “nadurisa”, ha due figli.

MONELLA VINCENZO: nato a Bompensiere ma vissuto in Germania,è tornato in paese per diventare un arcipapà di sei figli e contribuire a tenere alto il tasso di natalità.

SORCE GIUSEPPINA: portava i capelli lunghi e biondi che non ha mai cambiato fino a quando ha cambiato radicalmente stile di vita, vive e lavora a Genova, single.

TUZZE’ EDUARDO: nato e vissuto in paese, vive attualmente a Milena insieme alla compagna.


Antonella Diliberto


Sotto potrete visualizzare l’album della rimpatriata avvenuta il 18 Agosto 2009.




3 commenti:

  1. Gran bella iniziativa!

    RispondiElimina
  2. auguri a tutti i quarantenni particolarmente ai miei cugini santa,rita e loro sposo.
    francesca

    RispondiElimina
  3. Scrivo da Bologna.
    Qualche anno fa, mentre ero in vacanza con mia moglie ad Agrigento, ho conosciuto una Signora dal nome Agata e diceva essere di Bompensiere.
    Se non ricordo male gestiva una locanda o qualcosa di simile. Per simpatia ci siamo scambiati i numeri del telefono che, regolarmente, abbiamo smarrito.
    Qualcuno potrebbe aiutarci a rintracciarla se non altro per inviare auguri?

    RispondiElimina

DISCLAIMER

I commenti vengono moderati dagli amministratori.

I commenti non hanno l'attributo NoFollow; quindi se lasci un commento inserendo il tuo sito nell'apposito spazio Google lo vedrà come un "good link"; consideratelo un regalo per chi lascia il suo parere :).

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails