domenica 27 settembre 2009

JUVENTUS - BOLOGNA:1-1

INDECISIONE DECISIVA. TREZEGOL NON BASTA.


Dopo una partita giocata veramente bene con gol, palo e tantissime occasioni gol ci siamo fatti recuperare all'ultimo minuto di recupero per una disattenzione in difesa.

Devo ammettere che il gioco del Bologna è migliorato nel secondo tempo e ci siamo presi uno spavento con Di Vaio, ma il pareggio è veramente ingiusto. La Juventus ha costruito e giocato meglio degli emiliani...

Tutti, all'infuori di Molinaro (mio modesto parere) hanno dato il loro contributo positivo, ma non è bastato... Che gli Intertristi siano andati in pellegrinaggio scalzi per chiedere la grazia???

sabato 26 settembre 2009

SAMPDORIA - INTER 1 - 0

PECCATI DI GIOVENTU'



Possibili canseguenze: brufoli eccessivi, slogature scomposte e probabile perdita dell'udito.



venerdì 25 settembre 2009

Il poeta Paolo Ivan Tona domani a Bompensiere



Il Maestro è nell'Anima
e dentro l'Anima per sempre resterà........

-Paolo Ivan Tona-



Domani 26 settembre alle 17.30 presso i locali del palazzo municipale di Bompensiere, la professoressa Maria Teresa Prestifilippo, farà una relazione sulla raccolta poetica in cinque libri del dott. Ivan Paolo Tona: "Tra spazio e tempo, La Vita come Mito e rappresentazione".
Potete visitare il suo sito cliccando qui.

Accorrete numerosi!




MA COSI DI PAZZI....

Berlusconi sul direttore del TG4:
"Emilio Fede? Prima ero critico, ma adesso comincio ad apprezzarlo.
E' un baluardo per la democrazia e per l'informazione."


La Repubblica, 4 gennaio 1995



Stavo leggendo qualche notizia su OKNotizie comodamente seduto quando mi imbatto in una e-mail di un lettore publiciata sul sito de "il Giornale" che non saprei come definire... FAZIOSA sarebbe banale, BANALE sarebbe fazioso, INUTILE un complimento eccessivo. Ve la segnalo lasciando a voi l'interpretazione di queste confuse, contraddittorie ed indefinibili parole.

Non riesco a capacitarmi del fatto che si tolleri con tanta leggerezza il proliferare di giornali nuovi, vedi quello di Marco Travaglio, l’uomo più viscido della sinistra disfattista e sempre alla ricerca di nuovi modi per indebolire il premier, vista la continua ascesa dello stesso nel consenso degli italiani. Possibile che l’avvocato Ghedini non riesca a trovare un reato plausibile per la chiusura di queste «vipere» che strisciano con il continuo intento di mordere il premier e causarne la morte politica? Un giornale che palesemente offende e denigra il capo del governo va subito chiuso. Lasciamo poi le critiche a chi è nato per criticare tutti gli avversari politici. Una volta creato l’esempio gli altri giornali di sinistra si guarderanno dal continuare ad offendere il premier e la sua coalizione. Possibile che non si riesca a trovare una norma che preveda l’attentato morale al capo del governo? Io credo che l’unica soluzione a questo continuo stillicidio di calunnie sia quello di rispondere con i sistemi usati (che io non approvo) da Putin nei confronti della Georgia, e della Cina nei confronti dei monaci tibetani: «La forza». Dopo una serie di bastonate inflitte a Franceschini, D’Alema, Travaglio, Santoro e Maurizio Mannoni, si vedrebbero subito i risultati, si vedrebbe il ritorno del rispetto nei confronti di Berlusconi.

Mario Cervi


Mah...

giovedì 24 settembre 2009

GENOA - JUVENTUS: 2-2

TREZEGOL CI METTE UNA PEZZA



"Ni la ficimu petri petri...". Fino a quando abbiamo segnato giocavamo bene, poi il nulla. La superficialità ha pervaso l'anima dei giocatori juventini. Devo dire che non mi aspettavo proprio un comportamento così immaturo.

Poulsen il solito ignoto strapagato, Grygera inesistente, la coppia Chiellini-Legrottaglie in pessime condizioni, Grosso ha solo calciato le punizioni, Amauri non pervenuto, Iaquinta tanto lottatore quanto egoista, Camoranesi...lasciamo stare. Gli unici di cui mi sento di sottolineare la prova sono Felipe Melo (sempre più leader a centrocampo), Marchisio (che sta crescendo veramente bene) e il solito Gigi Buffon.

Abbiamo subito l'orgoglio e la grinta genoana prendendo due gol fotocopia su cross laterali. Dopo il raddoppio, firmato Crespo, la Juventus si è risvegliata. Ha lottato, corso, segnato... Ma alla fine è riuscita solo a pareggiare. CI HANNO PENSATO TROPPO TARDI. Si è vero ci hanno annulato due gol: uno giustamente (quello di Chiellini), mentre sull'altro ho i miei dubbi; mancavano Diego e Cannavaro. Ma ciò non giustifica l'aria di sufficienza con cui la Juventus ha giocato.

La partita è stata bella sul piano del ritmo, dell'intensità e dei gol ma deludente per chi, come me si aspettava una Juventus sicura, che non necessariamente doveva vincere ma assolutamente doveva convincere.

Piccole vendette neroazzurre

ARMA LETALE




Non è bastato Crespo, ma ci siamo ripresi il primo posto. E purtroppo lo dividiamo con una squadretta che si lamenterà per un gol annullato. Anche se non ho guardato l'azione (per colpa di anno zero) sono sicuro che stavolta ha ragione l'arbitro.



Burrasca a Bompensiere


Nottata all'insegna della pioggia e di un fortissimo vento a Bompensiere. Molte illuminazioni allestite per la festa del Santo patrono distrutte, numerose le tegole cadute dai tetti, porte spalancate e rami divelti. Fortunatamente nessun danno a persone.

Se qualcuno ha avuto modo di scattare qualche foto può inviarle alla seguente casella di posta elettronica: blogpensiere@gmail.com



Il matematico impertinente. Intervista ad Adolf Hitler

Piergiorgio Odifreddi

Piergiorgio Odifreddi è un matematico, logico e saggista italiano. Leggere un suo libro è un qualcosa di piacevolmente impegnativo. Nelle prime pagine ho trovato un dialogo che reputo interessantissimo. E’ un’intervista fatta ad Hitler supponendolo ancora vivo. La potete leggere (ve lo consiglio caldamente) sotto.


hitler_adolf

Sessant'anni dopo, mentre nel mondo si sta organizzando un Quarto Reich che va dagli Stati Uniti al Mediterraneo, abbiamo parlato del Terzo col sanguinario vegetariano che l'ha comandato per dodici anni.


Fürer, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il suo nome è diventato sinonimo del male. Cosa ne pensa?
La storia è sempre stata scritta dai vincitori, e il bene è ciò che sta dalla loro parte. Se avessimo vinto noi, sinonimo del male sarebbe diventati i nomi di Churchill o di Roosevelt.


Non crede che ci siano motivazioni oggettive, oltre alla sconfitta? Stalin la guerra l'ha vinta, eppure anche il suo nome è diventato sinonimo del male.
Milioni di persone non l'hanno pensata così, su Stalin, prima e dopo la guerra: quanti russi hanno pianto, quando è morto? Temo che lei non sappia molto nè dello stalinismo, nè del nazismo, a parte ciò che le ammanniscono i Ministeri della Propaganda, del suo paese e di quello che lo comanda.


Ministeri della Propaganda? E quali sarebbero i nostri Goebbels?
Per parlarle in termini che lei può capire, se il nostro era il totalitarismo inumano del 1984 di Orwell, il vostro è oggi il totalitarismo dal volto umano del Mondo nuovo di Huxley. I suoi Ministeri della Propaganda sono dunque il cinema e la televisione: se vuole trovare i nuovi Goebbels, li cerchi fra gli Spielberg e gli Zeffirelli, o fra i Murdoch e i Berlusconi.


Cosa voleva insinuare, fra l'altro, con quel "paese che ci comanda''? Che l'Italia sarebbe una colonia degli Stati Uniti?
E non lo è, forse? Da quando siete stati occupati, nel 1944, non vi siete più liberati. A tutt'oggi ci sono 125 basi e 35.000 truppe statunitensi in Italia: è indipendenza questa? In Germania, poi, stiamo ancora peggio. Quella che voi chiamate liberazione, fu soltanto la sostituzione di un'occupazione militare a un'altra, meno esibita ma non meno effettiva.


Non vorrà negare, però, che il nazismo si è macchiato di crimini contro l'umanità mai visti prima.
Ah, sì? E quali?


Anzitutto, lo sterminio di sei milioni di ebrei.
Non dica cretinate. Il mio modello per la soluzione del problema ebraico è stato il modo in cui gli Stati Uniti avevano risolto l'analogo problema indiano: un genocidio sistematico e scientifico dei diciotto milioni di nativi che vivevano nell'America del Nord. Quanti indiani rimangono negli Stati Uniti, oggi? Qualche centinaio, mantenuti in riserve come i bisonti. E quanti ebrei rimangono invece, al mondo? Milioni, e hanno addirittura uno stato tutto per loro: il quale, tra l'altro, sta mostrando di aver imparato la nostra lezione sul come trattare le minoranze etniche.


Lei è proprio un senza Dio!
Senza il Dio degli ebrei, magari. Ma avevamo il vostro: non è forse stato Elie Wiesel, premio Nobel per la pace nel 1986, a dire che "tutti gli assassini dell'Olocausto erano cristiani, e il sistema nazista non comparve dal nulla, ma ebbe profonde radici in una tradizione inseparabile dal passato dell'Europa cristiana''? Non senza motivo le mie SS portavano scritto Gott mit uns sulla fibbia della cintura.


La Chiesa non la pensa certo così!
Ma se, da quando Rolf Hochhuth ha rotto l'incantesimo con Il vicario nel 1963, non si fa che parlare del silenzio di Pio XII nei confronti di quello che voi chiamate Olocausto! E poi, lei non ha certo letto il mio Mein Kampf, che immagino non sia facile da trovare nelle vostre librerie: se l'avesse fatto, ricorderebbe però che il progetto per il trionfo del nazismo era modellato sulla tenace adesione ai dogmi e sulla fanatica intolleranza che hanno caratterizzato il passato della Chiesa cattolica.


In ogni caso, basterebbe a condannarvi il disprezzo per la vita umana di civili innocenti che avete dimostrato durante la guerra.
Questa la vada a raccontare agli abitanti di Amburgo e di Dresda, sui quali avete riversato le "tempeste di fuoco'' che ne hanno ucciso un milione. O a quelli di Hiroshima e Nagasaki, trecentomila dei quali sono stati inceneriti da due bombe atomiche: nessuna propaganda può cancellare il fatto che i "cattivi'' nazisti non hanno costruito queste armi di distruzione di massa, mentre i "buoni'' Stati Uniti le hanno non solo costruite, ma usate!

Almeno, non vorrà negare la sua aberrante politica eugenetica.
Perchè mai dovrei negarla? Era un mezzo per ottenere la purezza della razza. Ma non capisco cosa ci trovi di aberrante: la mia legge del 1933, per la prevenzione dei difetti ereditari, era esplicitamente basata sul modello statunitense di Harry Laughlin, al quale noi demmo per questo motivo una laurea ad honorem nel 1936 a Heidelberg. Lo sa, lei, che la prima legge per la sterilizzazione di "criminali, idioti, stupratori e imbecilli'' fu promulgata nel 1907 dall'Indiana? Che fu poi imitata da una trentina di stati americani, e dichiarata costituzionale nel 1927 dalla Corta Suprema? Che negli anni '30 furono sterilizzati 60.000 individui negli Stati Uniti, metà dei quali nella sola California? E che negli anni '50, dopo la guerra, furono castrati 50.000 omosessuali?


Non vorrà dire che gli Stati Uniti, il melting pot, sono un paese razzista!
Lei è proprio un ingenuo! Secondo lei, contro cosa manifestava Martin Luther King, ancora negli anni '60? E chi scrisse Il passaggio della Grande Razza nel 1916?

Chi?
Madison Grant, amico di Theodore Roosevelt. Quando il libro fu tradotto in tedesco, gli mandai una lettera entusiasta, di cui lui fu molto compiaciuto. E a proposito di Roosevelt, non dimentichi che Pierre van der Berghe, studioso della razza, l'ha messo insieme a me e a Hendrik Verwoerd, l'artefice dell'apartheid sudafricano, nella Trinità del Razzismo del Novecento.


Di questo passo, arriverà a dire che gli Stati Uniti furono anche un paese nazista!
Gli Stati Uniti non possono aver seguito il nazismo, perchè l'hanno preceduto e ispirato. In fondo, volevamo entrambi una cosa sola: come cantavano le mie SS, Morgen die ganze Welt. Purtroppo il mondo era quasi tutto nelle mani delle potenze coloniali, e bisognava toglierglielo con la forza. Il "male'' di cui ci hanno accusati era tutto qui: voler fare a loro ciò che essi avevano fatto ad altri. Noi abbiamo fallito, ma gli Stati Uniti stanno portando a termine quello che era il nostro vero progetto: il dominio globale (militare, politico ed economico) del pianeta.


E' questa, dunque, l'eredità del nazismo?
L'ha già dichiarato Otto Dietrich zur Linde, il giorno prima della sua esecuzione, nell'intervista rilasciata all'argentino Borges, poi pubblicata col titolo Deutsches Requiem: il nazismo era un'ideologia così ben congegnata, che l'unico modo per sconfiggerla era di abbracciarla. Noi volevamo che la violenza dominasse il mondo, e il nostro scopo è stato pienamente raggiunto. Non abbiamo vissuto e non siamo morti invano.

obama_poster_hitler




mercoledì 23 settembre 2009

INTER - NAPOLI 3 - 1



La bellezza di questa squadra consiste proprio nel veder segnare con una facilità disarmante giocatori che l'anno scorso militavano in club differenti. Segna chiunque. Se avessero acquistato 3 persone a casaccio, tipo un Tonino un Elton e un Calogero qualsiasi, sono sicuro che avrebbero buttato la palla dentro anche loro.

E poi c'è Milito che riesce a impressionarmi sempre più. Fa gol di testa, di piede, di fianco, di culo, con le spalle alla porta e stasera perfino in fuorigioco. Un campione.



Aggiornamento
Ad Udine Galliani ha dimenticato il cd con la musichetta della champions. Peccato.




“Il Fatto Quotidiano” per la prima volta in edicola


Stamattina ho deciso di comprare questo nuovo quotidiano. Ho dovuto girare ben 4 edicole prima di trovare una copia e mi reputo pure fortunato poichè era l’ultima. Ma già da domani verranno raddoppiate le copie stampate. Per scoprire in quali città viene distribuito questo giornale potete vedere qui.


Inserisco sotto l’editoriale del direttore Antonio Padellaro:



Linea politica la Costituzione
Quando Indro Montanelli fu costretto a lasciare il “suo” Giornale e fondò la Voce, spiegò di aver giurato a se stesso: “Mai più un padrone”. Ne aveva abbastanza dei trombettieri al servizio dell'uomo di Arcore. Anche noi possiamo dire che qui di padroni non ne abbiamo.

La proprietà del Fatto Quotidiano è ripartita in piccole quote equivalenti tra un gruppo di soci che hanno come unico scopo quello di garantire l'autonomia del giornale e di far quadrare i conti. Piccoli azionisti ai quali in tanti chiedono di aggiungersi per dare una mano. Ricchi non siamo ma non chiederemo un solo euro di sovvenzioni pubbliche o di partito. Sono già 30mila coloro che ci sostengono in questa scelta con i loro abbonamenti. Una prova di fiducia senza precedenti, visto che il giornale lo vedranno solo oggi. Grazie.


Il Fatto sarà un giornale di opposizione. A Berlusconi, certo, perché ha ridotto una grande democrazia in un sultanato degradante. Ma non faremo sconti ai dirigenti del Pd e della multiforme sinistra che in tutti questi anni non sono riusciti a costruire uno straccio di alternativa. Troppi litigi. Troppe ambiguità. E poi vedremo se Di Pietro riuscirà, davvero, a creare qualcosa di nuovo, liberandosi dei riciclati soprattutto al Sud.


Lo abbiamo chiamato il Fatto in memoria di Enzo Biagi che ci ha insegnato a distinguere i fatti dalle opinioni.
Un grande giornalista e un uomo perbene epurato, come Montanelli, dalla compagnia dei servi e dei mediocri. Pensando al loro coraggio ci facciamo coraggio.



Inoltre oggi, in via del tutto eccezionale, hanno deciso di rendere visibile gratuitamente il quotidiano. Lo potete visualizzare cliccando qui.



martedì 22 settembre 2009

Programma della festa patronale SS.mo Crocifisso 2009 Bompensiere

“Innalzato sulla croce, nel suo amore senza limiti donò la vita per noi”



Programma per la festività del SS.mo Crocifisso di Bompensiere. Clicca sull'immagine per visualizzarla a schermo intero.



"Volgendo lo sguardo a Colui che è stato trafitto, ogni uomo minacciato nella sua esistenza incontra la sicura speranza di trovare liberazione e redenzione."





Brunetta e le sue scuse -Lino Giusti, Roberto Mangosi-

domenica 20 settembre 2009

CAGLIARI - INTER 1 - 2

SANGRE REAL



El Principe non sbaglia sotto porta, anche se la Juve rimane davanti giocando pure benino. Speriamo in un veloce recupero di Del Piero.

Inserite 10 nuove foto nell'album "vecchi ricordi di Bompensiere"

Ringraziamo anche Ivan Losardo che ha contribuito alla crescita dell'album inviandoci questa bellissima foto:


1980 (circa) Asilo Bompensiere. Da sx in ginocchio Guseppe Scozzaro, Giuseppe Diliberto, Ivan Losardo.




Aspettiamo altre immagini!





Lui si sente un cogl***one e tu?


Tempo fa era il presidente Silvio ad etichettare parte degli italiani con epiteti graziosi e coreografici. Adesso anche Don Giorgio ha iniziato a sparare su tutti e tutto, riuscendo a superarsi.

E’ riuscito infatti a far ruotare un intero discorso su un’unica parola: coglione.

E se domani anche il Papa si sveglia e inizia a dare del pirla a certi tifosi di calcio? Forse non ci troveremo nulla di volgare. Certi vocaboli oramai vanno di moda e sarebbe sbagliato non utilizzarli.

Poveri noi.



venerdì 18 settembre 2009

Stesera...tutti invitati!!

Per gli amanti della musica gitana, per gli amici, per i paesani e non... stasera ci aspetta una grande serata al ritmo dei "SOLEADA"!
Vi aspettiamo numerosi a Caltanissetta in piazza Garibaldi (la piazza antistante la Cattedrale).
...NON MANCATE!


giovedì 17 settembre 2009

mercoledì 16 settembre 2009

INTER - BARCELLONA 0 - 0

PATATA BOLLENTE





Era un gioco che si svolgeva con un pallone che, immaginando fosse caldissimo, bisognava lanciarlo il più velocemente possibile onde evitare scottature.

Considerando altresì il rigore negato agli spagnoli ed un possesso palla pari all'80% di Messi&Co possiamo dire che ci è andata di culo.




Boom di visite!



Dopo le oltre 8.000 visite del 21 novembre scorso ieri abbiamo registrato il secondo record nella storia di questo sito:


4.620 visitatori unici in un solo giorno



GRAZIE A TUTTI!!!





domenica 13 settembre 2009

INTER - PARMA 2 -0

IL MIGLIOR ATTACCANTE DEL MONDO
-Mourinho dixit-




La classifica inizia a prendere forma anche se a punteggio pieno troviamo una squadretta. E non sto parlando della Samp.


Festa della “vanella” di via San Francesco a Bompensiere

Esistono modi semplici e piacevoli di trascorrere una serata, discutendo di tutto e di più accanto ad un fuoco, arrosti e qualche bicchiere. Di vino e di bibite! Gli abitanti di via San Francesco, giorno 11 settembre, si sono riuniti per organizzare una festicciola a base di carne e tanta allegria!

Un’idea che sicuramente verrà sviluppata anche da altri Bompensierini che, prendendo spunto dagli abitanti di via San Francesco, daranno il via a tantissime feste di “vaneddra”.





Nella foto Totino Saia, Domenico Calamera e Paolo Favata con rispettive mogli e figli durante la festa in via San Francesco.




venerdì 11 settembre 2009

Smentita commento del "falso" presidente del consiglio del comune di Bomepnsiere

Salvatore Ciraolo, presidente del consiglio di Bompensiere, ha appena inviato alla redazione di blogpensiere una nota nella quale dichiara di non avere mai scritto il commento del post "Un altro maxicompleanno a Bompensiere". Di seguito riportiamo la comunicazione del presidente.

Il vero presidente del consiglio di Bompensiere Salvatore Ciraolo, smentisce categoricamente, quanto detto dal "presidente del consiglio" nel messaggio del 9 settembre alle ore 20,38. Si chiarisce a tutti coloro che leggono questi post, che il sottoscritto, quando deve dire o affermare qualcosa, lo dice apertamente senza nascondersi dietro false identità. Il messaggio in questione, trattato in questo argomento è fuori luogo, inopportuno e soprattutto disonesto. Si ribadisce che se in un futuro prossimo si vorrà rafforzare l'alleanza con il Parroco o chiunque altro, metteremo i manifesti e lo faremo sapere a tutti.

Firmato il Presidente del Consiglio di Bompensiere
Salvatore Ciraolo


In tutti casi, la redazione del blog si premura di precisare che, per ovviare a tale problema da oggi verranno applicati metodi più restrittivi di filtraggio dei messaggi, soprattutto saranno attenzionati i messaggi postati da anonimi e/o da chi si firma utilizzando cariche pubbliche. Lo scopo è quello di tutelare e rispettare chiunque ritenga di volere lasciare un commento. Gli amministratori ritengono altresì opportuno ricordare che utilizzare impropriamente nomi e cariche altrui è perseguibile legalmente.

Libri scolastici e diario “gratuito”



Mia figlia dovrà frequentare la prima media e si dovrà provvedere all’acquisto dei libri di testo. Un rapido conto porta tale cifra a € 300,00 circa. Superiore al tetto fissato di appena 4,00 €!

Nella mia famiglia libri e riviste, “normali” e specializzati non mancano. Diciamo che si riesce ad avere una certa esperienza nel valutare il valore di un libro. Fatta una rapida ricerca su internet e nel “mercato” locale si scopre che, su questi testi, nessuno vuole fare sconti! Ai non addetti ai lavori, però! Detti prezzi, ci si riferisce alla totalità dei libri di testo non solo questi, rispetto alla qualità letteraria e didattica ci sembrano un tantino esagerati.

Pazienza. Rassegnati ordiniamo i libri. Ma, come ben sappiamo, non ci vogliono solo i libri, ma tutto il corredo degli accessori, diario compreso.

Oggi, in una trasmissione televisiva di Radio Rai Uno, mi trovo ad ascoltare un servizio sull’offerta di un diario “gratuito”. Un diario chiamato “Tienimi d’occhio” ove ciascuna copia contiene, oltre alle pagine dell'agenda (che sono uguali su tutta la tiratura), la personalizzazione (circa trenta pagina) legata all'Istituto ed alcuni inserti pubblicitari che permettono, sull'area di riferimento, di coprire i costi di realizzazione e di regalare i diari a tutti gli studenti.

Il diario Tienimi d'Occhio viene realizzato su misura in seguito ad una richiesta ufficiale proveniente dall'Istituto Scolastico su deliberazione dello stesso Consiglio d’Istituto.

Ritengo tale proposta, per la cui adesione si può consultare il sito www.tienimidocchio.it, da attenzionare, oltre che un modo per contribuire ad una iniziativa di risparmio in un diario personalizzato che riesce anche a promozionare l’Istituto, nella pagine (ripeto 30) che lo stesso Editore mette a disposizione.


Salvatore Maria Saia

giovedì 10 settembre 2009

Ladri a Bompensiere : preso di mira il Bar Inglese

Per un pugno di euro




 
Ieri notte dei malviventi sono riusciti ad entrare, utilizzando un accesso secondario, nel Bar Inglese, di proprietà della famiglia Tona; l'ipotesi più probabile è che volessero sottrarre l’intero incasso della giornata. Hanno portato via il registratore di cassa per poi abbandonarlo in via Pace. Pochi gli spiccioli recuperati. Il gesto resta comunque inqualificabile.

Gli amministratori del blog esprimono la loro solidarietà alla famiglia Tona.

COME AVERE UN MULTIDESKTOP IN AMBIENTE WINDOWS

PIU' DESKTOP, PIU' ORDINE,...MIGLIOR LAVORO


Salve a tutti. Ho avuto modo di vedere, come molti altri, le utility di Linux. Una delle più accattivanti è senz'altro la possibilità di avere più desktop a disposizione. Programmi e finestre saturano la barra delle applicazioni rendendo a volte difficile, per via del riconoscimento, lo switch tra i processi aperti. Personalmente ho avuto questa difficoltà e devo dire che è veramente fastidiosa.

Mi sono messo alla ricerca di una soluzione e ho trovato un'utility veramente interessante. Il suo nome è Desktops e permette di gestire fino a quattro desktop in un stesso computer. Così, mentre in uno tenete aperti i programmi per ascoltare la musica e le cartelle nelle quali stavate copiando brani o immagini (operazione che a volte richiede del tempo), avete a disposizione un'altro desktop "pulito" dove potete lavorare al vostro articolo con aperte le finestre che vi interessano per attingere a delle fonti o altro (cosa che sto facendo...).

La procedura d'installazione è banale. L'unica cosa che segnalo è di stare attenti a contrassegnare, nella parte finale del download, la voce "Run automatically at logon" (come in figura) se volete che il programma si esegua automaticamente all'avvio di Windows, altrimenti deselezionatela. Chiaramente le impostazioni del programma possono essere modificate anche dopo l'installazione.


Passiamo ora all'utilizzo del programma che è molto intuitivo. Avete due possibilità per passare da un desktop all'altro: utilizzare i tasti di scelta rapida da voi precedentemente configurati, o cliccare con il tasto sinistro del mouse nell'icona presente nell'area di notifica della barra delle applicazioni (in basso a destra) e scegliere il desktop da voi desiderato. Per il download di questa utility cliccate qui.

Ci sono altri programmi che forniscono schermi multipli, come Yod'm 3D o Cubedesktop, decisamente più accattivanti ma anche pesanti in termini di occupazione delle risorse del computer. Per i fanatici dell'estica questa è senz'altro la migliore soluzione. Per chi ha invece poche risorse e punta alla praticità delle cose è preferibile Desktops.

mercoledì 9 settembre 2009

Italia - Bulgaria 2 - 0

LIPPI E LA SUA JUVENTINITA' CRONICA





Qualcuno l'ha battezzata "ItalJuve". 8/11 dei titolari vestono la maglia della seconda squadra di Torino. Hanno aperto le porte all'argentino Camoranesi e adesso vogliono pure naturalizzare Amauri e Diego.
In fondo l'Italia è un paese aperto e cosmopolita. Basti pensare infatti ai nostri illustri rappresentanti padani.

In tutta questa baraonda lasciano fuori un certo Cassano puntando sulla mediocrità di giocatori che possono contare sull'appoggio della solita società calcistica, nota ai più per essersi messa in mostra sotto l'aspetto dell'irreprensibilità, rettitudine e integrità morale nell'ambito sportivo.

Anche i cinquantenni bompensierini si sono riuniti per festeggiare

Da sx a dx: Padre Francesco Novara, Michele Calamera, Laura Martorana, Angela Capobianco, Peppuccio Mulè, Umberto Anelli, Maria Fortunato, Silvia Montalto Monella, Giuseppe Martorana, Lilla Martorana, Salvatore tona, Giovanni Virciglio, Giusy Cino, Rosina Anelli, Salvatrice Amorella e Mariuccia Esposito



Per gli amanti degli avvenimenti storici ecco una breve lista degli eventi che hanno caratterizzato il 1959:


1º gennaio del 1959 il dittatore Fulgencio Batista abbandona l'Avana. Fidel Castro entra nella capitale cubana in testa alle sue truppe.

Da Febbraio in Italia il nuovo governo è presieduto da Antonio Segni.

9 marzo viene venduta la prima Barbie, bambola destinata ad avere un enorme successo.

25 aprile. Primo caso di AIDS di cui si ha notizia.

Il 15 giugno in Italia viene emanato il primo Testo Unico del Codice della strada.

Il 13 agosto viene introdotta la prima cintura di sicurezza su una volvo PV544.

Il 7 ottobre la sonda russa "Luna 3" fotografa per la prima volta la faccia nascosta del nostro satellite.



Ed infine, sempre nel 1959, nascono a Bompensiere 22 bambini, evento di straordinaria rarità considerando il calo demografico del piccolo comune siciliano. Dopo le rimpatriate dei sessantenni e dei quarantenni ecco a voi le immagini dei “giovanotti” che hanno raggiunto un traguardo ambizioso come quello di festeggiare mezzo secolo!

P.S. Le foto sono state scattate e inviate in redazione da Giuseppina Cino.

martedì 8 settembre 2009

GOODBYE, MIKE


Le mie nonne se lo ricordavano da giovane, Mike. Con quel sorriso sornione, l’occhio languido, e quell’ammaliante accento da italoamericano, era praticamente un sex-symbol della televisione italiana. I miei genitori l’hanno visto all’apice del successo, presente ogni giorno sullo schermo, quando condusse i suoi programmi più importanti: “Rischiatutto”, “Ieri e oggi”, “Flash”, al celebre grido “Allegria!”.

Io l’ho visto in TV che era già anzianotto; ricordo “Bravo bravissimo” o “Genius” dove tra una battuta e l’altra metteva in risalto i talenti e l’intelligenza dei giovani partecipanti. Da un lato, in tutta sincerità, mi chiedevo se per un presentatore del suo calibro non fosse ormai il caso di ritirarsi dalle scene, notando le gaffes sempre meno volontarie, dall’altro ammiravo la tenacia con cui, a 70, 80 anni si ostinava a portare a termine intere stagioni di programmi e l’autoironia con cui si prestava a quei simpatici spot con Fiorello.

Probabilmente è stata questa sua tenacia, insieme alla forza dell’abitudine, ad instillare in molti di noi l’idea bizzarra che Mike fosse un essere eterno, intramontabile, e saldamente legato da chissà quale sortilegio a quel trono che gli fu assegnato insieme all’appellativo di “Re del quiz”. Per questo, forse, la prima sensazione provata alla notizia della sua scomparsa è stata per molti l’incredulità.

Mike rimarrà certo nei ricordi di tutti, perché ha fatto la storia della TV così come la Storia, quella con la S maiuscola, del nostro Paese: non tutti sanno, forse, che durante la Seconda Guerra Mondiale si era unito alle formazioni partigiane sulle montagne piemontesi. Arrestato, nell'aprile1944 e rinchiuso nel carcere milanese di San Vittore, fu poi trasferito in vari campi di concentramento tedeschi, da cui uscì vivo grazie ad uno scambio di prigionieri tra gli Stati Uniti e la Germania.

“Ci sono tanti quiz in giro, ti fanno una domanda e ti danno tre risposte possibili, due sono errate. Sembra una lotteria. Eh no! Nei miei quiz c'e' una sola risposta, quella giusta!” : queste le sue ultime dichiarazioni, mentre lavorava per proporre a Novembre una nuova versione del Rischiatutto su Sky. Segno che ancora credeva di poter lasciar un segno in TV, nonostante la tante difficoltà, i passaggi da Rai a Mediaset, le amarezze dovute ai dissapori con Piersilvio Berlusconi; che ancora voleva tener saldo il suo scettro.


Cosa accadrebbe alla vostra vita con un 6 al superenalotto ? E se vi scoprissero?

Questo video illustra bene la situazione prendendo spunto dai 100 milioni vinti a Catania


UN ALTRO MAXICOMPLEANNO A BOMPENSIERE

Anche i sessantenni bompensierini si sono riuniti per festeggiare la loro gaia età


Nella foto i sessantenni Bompensierini con le relative famiglie



Quest'anno Bompensiere ha fatto il pieno di feste, sagre e divertimenti organizzati dall'amministrazione. Ma non sono mancate le iniziative personali: oltre ai quarantenni, anche tutti coloro che quest'anno hanno spento o spegneranno ben 60 candeline hanno deciso di incontrarsi per festeggiare insieme.

Giuseppe Amorella, Gaetana Taibi, Calogero Licata, Santo Diliberto, Salvatrice Loiacono, Maria Agnello, Paolina Schillaci, Vittoria Amico, Angelo Cino, Giosuè Tuzzè, Carmelo Scozzaro, Salvatore Fuoco, Francesco Messina e Francesca Agnello: questi i nomi dei "ragazzi" del '49, molti dei quali emigrati non più residenti a Bompensiere, che il 1° Agosto si sono concessi un'allegra cena all'insegna dei ricordi d'infanzia e del divertimento, insieme ai loro mariti o alle loro mogli e ad altri amici. Proprio alla signora Francesca Agnello, che quest'estate abbiamo avuto il piacere di conoscere personalmente, va il nostro ringraziamento per averci inviato informazioni e foto dell'evento.



Cliccate sulla slide show per visualizzare l'album della festa




E mentre in redazione arrivano notizie e immagini dell'ennesimo megaparty, stavolta quello dei cinquantenni bompensierini, a tutti i nostri compaesani noi di Blogpensiere mandiamo un affettuoso augurio
affinché non perdano mai lo spirito e la volontà per organizzare iniziative del genere.





lunedì 7 settembre 2009

Pensieri di un tifoso milanista (after derby)

ANALISI DI UNA DISFATTA


Per capire cotanto disastro nel derby, partiamo proprio dai giovini virgulti in campo. Oddio, giovani: l' età media della squadra è imbarazzante. E con dei vecchietti, seppur talentuosi, non si va da nessuna parte; figuriamoci poi con dei vecchietti mediocri.


PORTIERI
Abbiati è k.o., Dida è disperso nei corridoi di Milanello - e questo è un bene - da mesi, Storari è la riserva di una riserva catapultato titolare per manifesta incapacità degli altri, Roma non si sa bene perché sia stato preso visto che ha 35 anni e la prostata infiammata.
Direi che siamo messi molto bene.


DIFENSORI
Incredibile abbondanza di centrali, incredibile carenza di terzini. Aly "Dentimarci" Cissokho sta dimostrando di saperci fare, a Lione, e ci sarebbe stato utile come il pane visto che a presiedere la fascia sinistra attualmente c' è un ectoplasma a nome Jankulovski. In prospettiva futura si vorrebbe re-inserire l' auto-bomber Kakhaber "dramma" Kaladze nel ruolo di terzino sx, ruolo che già in passato ricoprì in modo vergognoso.
A destra c' è uno Zambrotta strabollito, capace solo di chiudere gli spazi dietro, ed è già qualcosa. L' alternativa sarebbe Oddo, che in quanto a vigore fisico è un gradino sotto al quasi 38enne Favalli e che non azzecca un cross decente dal 1997.
A centrali siamo a posto, anche se non si hanno più notizie di Bonera - lo cerca pure la famiglia - e non si è ben capito il perché dell' acquisto di Onyewu se non per vendere qualche magliettina in più durante la tournèe negli States di quest' estate.


CENTROCAMPISTI
Qui regna l' anarchia totale. Gattuso che sfancula tutti e vuole dimostrare di essere uomo facendosi espellere come un coglione; Flamini che corre come un mulo anche per gli altri e che, mi sa, comincia un po' a rompersi le balle; Pirlo che trotterella per il campo sospirando per il mancato passaggio al Chelsea; Abate che marcisce in panchina; Seedorf che si presenta a petto nudo e in ciabatte in panchina e che oltretutto decide quando e come scaldarsi e quando e come entrare in campo, esautorando di fatto l' allenatore e le rispettive scelte; Ronaldinho che non si sa capisce quale cazzo sia il suo ruolo in campo - centrocampista, trequartista, mezza punta, seconda punta - ma con un' unica solida certezza: è lento come uno scarabeo stercorario.


ATTACCANTI
Quiandiamo un po' meglio, è il reparto più solido della squadra con Pato diamante purissimo, Inzaghi solita garanzia purché giochi col contagocce, Borriello utile alla causa anche se personalmente mi fa sboccare, Huntelaar che potrebbe essere un grande colpo se ci fossero terzini in grado di mettergli sui piedoni o sulla crapona diverse palle buone da giocare.
La rosa, secondo me, è di livello medio. Lontana anni luce - a meno di miracoli improponibili come lo scudetto di Zaccheroni con una squadra quasi ridicola - dagli obiettivi sbandierati dalla dirigenza ad inizio stagione.


Ci sarà da soffrire, e parecchio; vorrei però vedere nei giocatori almeno un barlume di orgoglio, la rabbia di dimostrare il loro valore, cose che durante il derby non ho visto per niente e da nessuno.


Lo so che la stagione non dipende solo da loro ma che è figlia dei mancati investimenti sul mercato dalla dirigenza, però sono chiamati a fare la loro parte. Impegno costante ed assoluto, anche se si tratta di lottare per il centroclassifica, e aiutare l' allenatore nel suo mestiere.


Altrimenti grazie di tutto, e fuori dai coglioni.


lacasadeldiavolo




domenica 6 settembre 2009

Carovana di 500 vespisti a Bompensiere

Giuseppe Capobianco (promotore dell'iniziativa) con il figlio Francesco


Il vespa club d’Italia ha organizzato un tour al quale hanno partecipato oltre 500 vespisti. Il giro turistico ha attraversato alcuni dei più interessanti siti della provincia di Agrigento e Caltanissetta. E tra questi Bompensiere.

Il vespa club d’Italia è nato ufficialmente il 23 ottobre 1949 a Viareggio con il primo Congresso Nazionale al quale hanno partecipato 29 delegati.
La costituzione era avvenuta spontaneamente qualche mese prima con prese di contatto tra dirigenti dei Vespa Club locali, che erano sorti in varie parti d'Italia seguendo l'esempio di gruppi Vespistici nati in diverse località della penisola.

E’ d’obbligo sottolineare che la carovana di vespe ha fatto tappa nel più piccolo paese dell’entroterra siculo grazie all’interessamento del responsabile Motul, nonché consigliere comunale, Giuseppe Capobianco.


Cliccate sulla slide show per accedere all’album fotografico



Questa mattina sono arrivate in redazione anche le immagini della gimkana vespistica svoltasi ad Agosto nel corso principale di Bompensiere. Se volete visionarle potete cliccare qui.




Comunicazione a tutti i bompensierini che hanno dei cani

venerdì 4 settembre 2009

Trovato in Messico un bebè Alieno

Gli esperti dicono che non è una montatura!

La storia risale al 2007, quando un gruppo di contadini messicani ritrovò in una fattoria il piccolo essere. Spaventati e increduli tentarono di soffocarlo per ben tre volte, riuscendoci solo dopo averlo tenuto per molte ore sott’acqua.

Dopo due anni di test del Dna e risonanze magnetiche sullo strano essere, gli scienziati messicani ai quali l'agricoltore aveva consegnato il corpicino hanno dichiarato di trovarsi di fronte a qualcosa di veramente nuovo: uno scheletro da lucertola, denti senza radici, la possibilità di rimanere sott'acqua per ore. L'alieno ha anche alcuni elementi di somiglianza con gli esseri umani. Inoltre ha un cervello enorme, con la parte posteriore particolarmente sviluppata, segno di una grande intelligenza. Ma, nel complesso, il baby extraterrestre ha lasciato esterrefatti gli studiosi.

Personalmente credo che possano esistere Entità Biologiche Extraterrestri, ma questo mi puzza un pò di fregatura.

Boffo si dimette. Bossi ambasciatore in Vaticano

LE VICENDE STRANE DELLA VITA




Boffo ha lasciato la presidenza dell’Avvenire dopo 15 anni di oculata direzione. Una lettera elenca le motivazioni in maniera minuziosa. Immediate le reazioni della CEI, dei Giornalisti, del presidente del CDA di Avvenire, della politica di destra, sinistra e centro.

Io non capisco come i maggiori esponenti del vaticano, Papa incluso, abbiano usato parole di profonda vicinanza nei confronti di Dino Boffo, per poi accettare le dimissioni senza batter ciglio. Si sono forse trovati difronte ad una scelta difficile, optando così per quella meno dolorosa da un punto di vista prettamente politico?

Nel frattempo Bossi e Calderoli hanno il delicato compito di ricucire lo strappo che si è venuto a creare tra governo e CEI. Nell’incontro con Bagnasco Bossi avrebbe sottolineato le radici cristiane della Lega e la convergenza di vedute tra il Carroccio e il Vaticano sulla quasi totalità dei temi cruciali.

A questo punto stanno riuscendo a confondermi seriamente le idee…






giovedì 3 settembre 2009

SAIS: PREOCCUPANTE DISSERVIZIO


E' noto che sono uno studente della facoltà di ingegneria di Palermo. Giorno 31 agosto 2009 mi trovavo nella necessità di dover andare nel capologuo della nostra amata Sicilia per il disbrigo di fastidiose pratiche burocratiche all'università.

Tutti sapete che l'unico mezzo che collega il nostro piccolo centro a Palermo è un "piccolo" bus. Tutti sapete che c'è un'unica corsa che parte da Montedoro, passa da Bompensiere alle 05:35 e, attraversando i comuni di Milena, Campofranco e Villabate, giunge alla stazione centrale del capoluogo intorno alle 08:00 (via Oreto permettendo).

Non tutti sapete che Bompensiere è stato sfornito del suddetto servizio in tutto il mese di Agosto. Mi correggo... Io, come tutti gli altri a cui ho chiesto, non sapevo di questa interruzione di publico servizio. Così mi sono ritrovato giorno 31 agosto ad alzarmi alle 05:15 ed aspettare invano, nell'oscurità della fresca notte estiva, l'arrivo di un bus che non c'è stato.

Due giorni dopo mi ripresento alla consueta fermata. Tra intontimento ed incredulità, scorgo all'orizzonte delle luci rombanti... era l'autobus da me atteso. Accingendomi a salire sullo spettrale mezzo comincio a pensare tra me e me: "Forse ieri c'è stato un guasto... ma si sicuramente è così. Non è possibile che abbiano sospeso il servizio (l'unico per giunta) per la pausa estiva". Incuriosito e preoccupato chiedo all'autista il quale mi risponde "Hanno sospeso il servizio per tutto il mese di agosto"

Preoccupato vado a sedermi e comincio a pensare...E' risaputo che la SAIS, azienda che gestisce gli autotrasporti nella nostra provincia e non solo, ha fatto dei tagli anche in termini di qualità di servizio, infatti il nostro è un autobus che non riesce a contenere eventuali valige per tutti i passeggeri. Questa è la ragion per cui molti decidono di percorrere altre vie. Riguardo il recente disagio, il mio dubbio è che abbiano interrotto il nostro unico ed essenziale servizio (poche utenze = pochi biglietti), lasciando attive le tratte in cui ci sono molte corse (più utenze = più biglietti). Se così fosse, sarebbe una grave ingiustizia. Infatti mentre per i primi (noi) la corsa è unica, per gli altri è multipla e si potrebbe assicurare il servizio a entrambi riducendo (non eliminando) quest'ultime.

Peraltro per avvisare la clientela, la SAIS ha pensato bene di affigere nel finestrino dell'autobus un semplice avviso, cosa che può andare se coadiuvata dalla pubblicazione della notizia sul sito internet aziendale. Questo sarebbe doveroso nel 2009 e inoltre contribuirebbe a riempire la sua scarsa homepage... Non so nemmeno se le autorità locali siano state avvisate. In entrambi i casi ci doveva essere, a mio parere, un duro concerto di opposizione tra i diversi comuni coinvolti per attuare i principi stabiliti dalla "Costituzione della Republica Italiana" sul garantire i servizi essenziali alla popolazione. In ogni caso l'ente publico della Regione doveva impedire che avvenisse un tale disservizio in una zona in cui muoversi è già complicato di suo. Ci tengo a sottolineare che non è un servizio essenziale solo per gli studenti, ma anche per chi ha necessità di andare nel capoluogo per una visita medica specialistica, per chi non ha a disposizione (anche temporaneamente) un mezzo proprio, per l'emigrato che vuole andare a fare una gita a Palermo...

Speriamo che cancellino la tratta... Chi avrà di bisogno vedrà ;-)

La polisportiva di Bompensiere ha un nuovo presidente




Il nuovo presidente della polisportiva ‘74 è Antonio Diliberto. Il presidente dimissionario, Enzo Giglia, ricoprirà la carica di consigliere.

La squadra sarà allenata da Salvatore Nicastro, ex bandiera del Bompensiere negli anni 1987-1988, periodo di maggiore splendore calcistico della squadra Bompensierina.

5 i nuovi acquisti: Giuseppe, Francesco e Ignazio Modica (dal Campofranco), Alessandro Nicastro e Alessio Lipari. Ancora incerta invece la trattativa per Salvatore Castiglia, giocatore del Mussomeli.


Il direttivo è composto da:


Antonio_DIliberto



PRESIDENTE: Antonio Diliberto





Michelangelo_Benvissuto



VICE PRESIDENTE: Michelangelo Benvissuto





Fabiola_Nicastro



CASSIERE: Fabiola Nicastro





Gustavo_Anelli



DIRETTORE SPORTIVO: Gustavo Anelli





Davide_Difalco



CONSIGLIERE: Davide Difalco





Tony_Losardo


CONSIGLIERE: Tony Losardo





Enzo_Giglia




CONSIGLIERE: Enzo Giglia







Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails