venerdì 6 novembre 2009

Via il Crocifisso dalle aule scolastiche....

3 commenti:

  1. Non caperò mai...accogli una persona a casa tua, sei generoso... offri tutto quello che di meglio hai;dopo un po'di tempo ti senti dire :"Questa casa è piccolina in due si sta male, ti dispacerebbe trovartene un'altra?".
    Allora tu pensi che la tua troppa generosità è stata scambiata per stupidità.
    Altro che proporci di togliere il CROCIFISSO!... a questo punto si all'accoglienza,ma soltanto per chi se la merita e rispetta il padrone di casa e i suoi DIRITTI.

    RispondiElimina
  2. Non tutti sanno che la bandiera europea è un simbolo Mariano...
    E’ costituita, infatti, da 12 stelle poste in cerchio su sfondo azzurro,dodici sono i figli di Giacobbe e le tribù di Israele e dodici gli apostoli di Gesù.A conferma dell'ispirazione biblica e al contempo devozionale dello stendardo europeo il disegnatore francese HEITZ,devoto alla Madonna, riuscì a far passare la sua tesi nei confronti di chi chiedeva lumi sul perché delle dodici stelle quando all'epoca i paesi dell'Unione erano solo sei. Pur non rivelando la fonte religiosa della sua ispirazione per non creare contrasti, sostenne che il dodici era, per la sapienza antica ``un simbolo di pienezza'' e non doveva essere mutato neanche se i membri avessero superato quel numero. Come difatti avvenne e come è ora stato stabilito definitivamente dalla nuova Costituzione. La seduta solenne durante la quale la bandiera venne adottata si tenne guarda caso l'8 dicembre del 1955, il giorno in cui la Chiesa celebra la festa dell'"Immacolata Concezione''.
    A questo punto sorge spontanea una domanda "Per rispettare le altre raligioni,e per un principio di coerenza,non dovrebbe essere giusto togliere la bandiera europea dagli uffici pubblici?".
    Qst è l'Italia delle contraddizioni,qst Italia che regredisce ognigiorno sempre di più..un Italia che non ha più una propria Identità,cultura e tradizione...
    POVERI NOI!!

    RispondiElimina
  3. GIUSEPPE LOSARDO6 novembre 2009 15:26

    la notizia della eliminazione dei crocifissi dalle aule italiane e una notizia che non solo sconvolge l'opinione publica ma che fa pensare tanto sui nostri rappresentanti politici.Dico questo perchè mentre guardavo una trasmissione televisiva su Rai3,l'On. Paolo Ferrero esprime il suo pensiero favorevole sulla nuova riforma,e afferma anche che i crocifissi vanno tolti dalle scuole perchè in tali strutture si ci va solo per imparare a leggere e scrivere.Questo suo pensiero non mi sconvolge tanto per il fatto che sia favorevole,ma tanto per quello che afferma sulla scuola,perchè la scuola non è solo un edificio pubblico adibito all'istruzione grammaticale e matematico,ma è prima di tutto una istituzione insieme alla Famiglia e alla religione,due e un luogo di socializzazione,di scambi culturali,dato che oggi a magior ragione viviamo in un paese globalizzato e multietnico,e quindi dovrebbe essere quel luogo che si fa promotore di abbattere tutte quelle barriere culturali,ideologiche,che ancora oggi creano dei spaccati tra i vari popoli. Ora in un periodo di crisi come quello che sta attraversando il nostro paese,che non è solo economico,ma culturale,valoriale e religioso,tale riforma incide tanto su questo fenomeno,e a pagare le conseguenze sono proprio le nuove generazioni che stanno cresciendo senza valori,senza una fede e lontani da una cultura liberatrice.
    GIUSEPPE LOSADO

    RispondiElimina

DISCLAIMER

I commenti vengono moderati dagli amministratori.

I commenti non hanno l'attributo NoFollow; quindi se lasci un commento inserendo il tuo sito nell'apposito spazio Google lo vedrà come un "good link"; consideratelo un regalo per chi lascia il suo parere :).

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails