mercoledì 30 dicembre 2009

Sembra talco ma non è

...serve a darti l'allegria. Se l'assaggi o la respiri ti da subito l'allegria!”

-Pollon-


I cartoni animati sono la vera piaga e causa prima di innumerevoli problemi che affliggono la nostra società. Non ci credete? Analizziamo allora qualche esempio.

In molti avrete visto Sailor Moon. E’ una principessa costretta a fare tre lavori contemporaneamente per mantenere la tinta platino e le extensions ed il suo carattere mite e tenero è frutto di un uso costante di Prozac. Ed ecco che crescendo, le ragazzine pensano subito a dilapidare patrimoni interi per prodotti cosmetici e marchingegni strani il cui fine (inconscio) è quello di rassomigliare il più possibile alla loro eroina. La cosa più assurda è che se gli domanderete chi è Sailor Moon vi risponderanno: “non ho mai visto queste fesserie”, non rendendosi conto che l’hanno assimilata come modello di vita.

Per non parlare del celebre occhi di gatto. Mi sono sempre chiesto come mai trasmettessero una serie di porno animazione ad orari accessibili ad un pubblico minorenne. Questo cartone animato si basa sulla vera storia di tre giovani e calde sorelle che, amano farsi riprendere vestite con tutine super aderenti da gattine, in atteggiamenti ambigui, davanti a un investigatore di polizia o a un pazzo maniaco sessuale qualsiasi.

Se vi stupite invece quando due adolescenti si salutano con un rutto o con un vaffanculo è perché non avete mai visto South Park. La serie narra le assurde vicende di 4 ragazzini che si divertono a dire parolacce anche molto pesanti, bestemmie verso tutti i culti, ma soprattutto a deridere le persone di nazionalità diversa, persone con problemi sia fisici che mentali, anziani e in particolare Gay.

Da un’indagine dell’Istat risulta che il 99,9% degli omosessuali abbia iniziato a manifestare la propria tendenza dopo aver visto una puntata di He-Man. Il restante 0,1% passa 12 ore di vita in palestra cercando di accrescere la massa del proprio bicipite per superare quello del fantomatico eroe.

Nessun commento su Mila e Shiro. Vi dico solo che il nome completo della protagonista femminile è Mila Azuki, lascio a voi il compito di effettuare (doverose) ulteriori ricerche.

Ed infine il caso più eclatante di spaccio e uso di droghe della storia dei cartoni animati. Parlo di Heidi e Pollon. Da fonti accertate possiamo dire che Heidi è una cocainomane. Per affermare questa teoria basta sentire alcuni versi della sua sigla, di cui è autrice: "Ti sorridono i monti... Le caprette ti fanno ciao". Altri sostengono che il nonno coltivasse marijuana nella soffitta della sua baita. La magica polvere bianca, che sembra talco ma ti rende subito felice, gliela passa la figlia di Zeus, una certa Pollon, ragazzina vivace facente parte di un’associazione a stampo mafioso di nome C.U.V.P. (C'eraUnaVoltaPollon). Il loro metodo di spaccio è uno dei più abbietti mai conosciuti: la C.U.V.P., infatti, ricerca poveri sfigati per regalare loro una dose considerevole e spingerli in cotal modo ad assumere dosi sempre maggiori. Obiettivo di questi due cartoni è quello di diffondere messaggi subliminali a sfondo criminale per promuovere la droga plasmando le giovani e inermi menti dei piccoli telespettatori.


Nell'immagine la vera Sailor Moon

lunedì 28 dicembre 2009

Girato un film porno (gay) nel castello di Mussomeli

(H)Alano sfondato ”: la storia di un cane messo sotto da un tir.
Sarà questo il prossimo film che verrà ospitato dal castello chiaramontano?


“Le ragioni della carne” (tra gli attori un mussomelese)

"Alto Medioevo, in un remoto angolo dell'Entroterra siciliano. Le tenebre della notte stanno per calare e posarsi nei villaggi circostanti incastrati nelle montagne, avvolti dal mistero e dal silenzio. L'inverno è rigido e all'orizzonte si scorgono nubi cariche di temporali e tuoni. Due fraticelli in giro per la loro missione, si fanno strada tra la nebbia in cerca di un rifugio. In lontananza scorgono l'abbazia più vicina, incastonata in un crostone roccioso. Mortificati del rigore invernale incedono in silenzio attraversando i sentieri tortuosi che portano su in cima al castello dell'abbazia. L'abate apre loro la porta e subito dona loro rifugio. La giornata è stata ardua e l'animo dovrebbere cedere il passo al sonno, ma l'animo umano, si sa, è un labirinto di passioni indomabili. Non riuscendo a dormire, uno dei frati..."

-Trama tratta dal sito del regista Angelo Nigro-


Si parla spesso di valorizzare i beni artistici che i nostri avi ci hanno lasciato. Fra questi, il castello manfredonico-chiaramontano, risulta essere uno dei più affascinanti. Fu inaugurato nel 1370 da Manfredi di Chiaramonte. Lo stile è gotico-normanno e fu costruito su una precedente fortezza araba, che si innalza su una rupe fino a 778 metri. In molti lo hanno definito “il nido d’aquila” per la sua particolare posizione ed architettura.

Evidentemente i responsabili che curano l’immagine della nobile dimora avranno pensato che non bastano le solite cartoline per far conoscere al mondo intero la magnificenza di una costruzione che farebbe invidia a qualsiasi comune d’Italia. Indubbiamente no. Questa volta hanno voluto esagerare spingendosi oltre. Forse reputavano poco incisivo l’epiteto di nido preferendo magari qualche francesismo come “cul en l'air” oppure qualcosa di più forte e deciso come “Bordell lasterhafte Menschen”.

Il video, girato nel mese di settembre, ha un costo abbordabile (solo 5€) ma è vietato ad un pubblico minorenne ed è fortemente sconsigliato ad uomini etero. A tutti gli altri non mi rimane che augurare una buona visione.




venerdì 25 dicembre 2009

Buon natale a tutti gli amici di BlogPensiere

 

A chi si sente solo
a chi ha la gioia nel cuore,
a chi vorrebbe essere amato
a chi vorrebbe donare,
a chi ha sbagliato
a chi vorrebbe volare.
A chi è in guerra
a chi si sente in pace
a chi soffre in silenzio
a chi sa perdonare.
A chi non ha occhi per vedere
a chi sa ascoltare.
A chi ha una meravigliosa famiglia
a chi è lontano dalla sua terra
a chi ha degli amici
a chi invece ne vorrebbe da amare.
A chi è povero
a chi desidera una casa
per vivere questo Natale..
A te a me...
a tutti NOI!
Tanti
tantissimi
AUGURI..

pallina_pace1

giovedì 24 dicembre 2009

Babbo natale a Bompensiere


Ieri pomeriggio nella piazza S.Smo Crocifisso di Bompensiere è arrivato, con due giorni di anticipo, Babbo natale con tanto di slitta. L’improvviso sciopero delle renne non ha fermato il tenace vecchietto che, usufruendo di un cavallo nostrano, ha dispensato doni a tutti i bambini del paese.

A rendere l’atmosfera più magica ci ha pensato il gruppo dei cantori della novena natalizia con le loro coinvolgenti note, rallegrando così ancor di più l’evento. Dopo la distribuzione dei giocattoli è stato allestito in piazza un buffet che ha reso felici anche i più attempati. In fondo anche questo fa parte del natale!

Cliccando sotto potrete visualizzare tutte le immagini dell’evento:

mercoledì 23 dicembre 2009

LA NEVE: CROCE E DELIZIA

A Bompensiere non siamo certi abituati a vedere la neve, a godere del suo candore e delle svariate possibilità di gioco che offre. I "bianchi fiocchi" rimandano ai numerosi film sul Natale che da bambini riempivano i nostri pomeriggi. Soltanto nei sogni noi "nadurisi" corriamo in mezzo la neve alta quaranta centimetri, creiamo dei pupazzi con facce buffe di cui compiacersi o ci rincorriamo tirandoci delle palle di neve...

Capite allora lo stupore, la meraviglia, l'allegria di due "nadurusi" a Varedo (provincia di Monza Brianza) che vedono questi sogni divenire realtà. Armati di guanti e scarponi da neve, confortati da caldi sciarpe e cappelli, ci avventuriamo in una bianca spianata a giocare come dei bambini, buttandoci per terra e creando un magnifico pupazzo di neve.



Purtoppo la neve non è soltanto atmosfera natalizia e divertimento, ma anche disagi... Noi dovevamo infatti tornare ieri, ma dopo un'oddissea durata tutta la notte, ci annullano il volo inserendoci nel primo disponibile il 27 dicembre. E' sconvolgente assistere al caos creato dal maltempo in aeroporto: persone accampate, file chilometriche, ore di attesa per voli spostati di ora in ora che alla fine venivano puntualmente cancellati. Senza considerare il clima glaciale di questi giorni... Pazienza, vorrà dire che ci godremo un pò di più questa magica atmosfera natalizia... Un saluto a tutti anche da Lea e Aldo.

Giovanna e Giuseppe

Basta poco per far sorridere un bambino

“Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto: essere contento senza motivo, essere sempre occupato con qualche cosa e pretendere con ogni sua forza quello che desidera”


Nella foto alcuni bambini del reparto pediatria dell'ospedale nisseno insieme al gruppo dei cantori della novena natalizia di Bompensiere formato da: Giuseppe Pace (Fisarmonica), Giusy Cino (Chitarra), Angela Galletti, Miriam Tona, Calogero Pace, Gabriella Nola e Nicola Gueli.


Di tutte le lacrime dell’umanità, delle quali è imbevuta la terra intera, quelle dei bambini toccano il cuore di ognuno di noi prepotentemente. E’ questo il principale motivo che spinge dei giovani bompensierini, a far visita ogni anno al reparto di pediatria dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta.

Ieri pomeriggio infatti, il gruppo di cantori della novena natalizia di Bompensiere, coordinato da Angela Galletti, ha intrattenuto i bambini ricoverati con incalzanti note di fisarmonica, chitarra e tamburelli.

Nelle immagini di sotto alcuni momenti dell’incontro tra i ragazzi della novena e i bambini:


17866_1210009286510_1117066185_30632349_1569548_n













17866_1210016806698_1117066185_30632370_7031317_n













17866_1210009406513_1117066185_30632352_111262_n

domenica 20 dicembre 2009

Terza categoria Caltanissetta nona giornata. Risultati e classifica


Risultati nona giornata 20/12/2009

ASD Acquaviva-ASD Giovanni Paolo II 0-5

ASD Milena-ACSD Libertas A. Capra 5-0

POL Bompensiere-ASD Chiaramontana 2-3

ASD Real Suttano-ASD Sicilianamente 3-1

ASD Villalba-ASD Vallelunga 0-3

APD Aurora-ASD Milocca 0-0

ASD Caterinese-ASD Accademia Mazzarinese "Rinviata a causa del campo di gioco impraticabile"


Classifica dopo la nona giornata

Caterinese 24 punti

Real Suttano 22

Sicilianamente Montedoro 16

Giovanni Paolo II San Cataldo 15

Milena 13

Acquaviva 13

Chiaramontana Mussomeli 13

Aurora Mussomeli 12

Accademia Mazzarinese 10

Libertas Capra Santa Caterina 10

Vallelunga 10

Milocca 8

Villalba 6

Bompensiere 4


Prossimo turno domenica 10/01/2010

Milocca – Caterinese ore 14:30

Giovanni Paolo II – Aurora ore 14:30

Vallelunga – Acquaviva ore 14:30

Sicilianamente Villalba ore 14:30

Chiaramontana – Real Suttano ore 14:30

Libertas A. Capra – Bompensiere ore 14:30

Accademia Mazzarinese – Milena ore 14:30

POL Bompensiere - ASD Chiaramontana 2 - 3

Nella foto il Bompensiere in maglia giallo-nera ed il Chiaramontana in maglia Bianca


Partita combattuta e conclusasi con la vittoria del Chiaramontana Mussomeli solo nell’ultimo minuto. La squadra ospite è riuscita a ribaltare completamente il risultato grazie alla tenacia ed un grosso pizzico di fortuna.

Il primo tempo si è chiuso con un pareggio che rispecchia perfettamente i valori in campo. Dopo circa 20 minuti passa in vantaggio il Mussomeli con un forte tiro all’angolino destro. Ma nel minuto di recupero Antonio Alba è abile nello sfruttare un cross da calcio d’angolo insaccando la palla in rete.

Nel secondo tempo il Bompensiere riesce ad imporsi maggiormente riuscendo così a schiacciare nella propria metà campo il Chiaramontana. Stupendo il gol del neo-acquisto Francesco Capizzi che porta la squadra di casa in vantaggio. La svolta arriva negli ultimi 20 minuti dell’incontro con l’infortunio del terzino sinistro Salvatore Schifanella. Il Bompensiere avendo terminato tutte le sostituzioni è costretto a giocare in 10 fino al termine della partita e negli ultimi 300 secondi, complice il portiere distratto, si fa prima rimontare e poi superare da un preciso pallonetto.

A fine gara una battuta poco sportiva da parte di un giocatore del Mussomeli nei confronti del presidente-allenatore del Bompensiere stava rischiando di far terminare con una rissa una gara fino a quel momento tutto sommato corretta.


Nella foto i 4 acquisti del Bompensiere. Da sinistra: Leandro Monreale (trequartista), Danilo Monreale (centrocampista centrale), Francesco Capizzi (Punta ed autore di una rete contro il Chiaramontana), Massimo Passaro (centrale difensivo)

LE PARTITE DELLA DICIASSETTESIMA GIORNATA DI SERIE A IN DIRETTA STREAMING LIVE

SENZA PROGRAMMI AGGIUNTIVI

Il collegamento inizierà nell'orario indicato. Ricordo a tutti che per lo streaming su Justin.tv dovete seguire la guida che vi ho fornito qui

Genoa – Bari1 ore 15:00 link1, link2, link3

Juventus – Catania ore15:00 link1, link2, link3

Livorno – Sampdoria ore15:00 link1, link2, link3

Napoli – Chievo ore 15:00 link1, link2, link3

Palermo – Siena ore 15:00 link1, link2

Roma – Parma ore15:00 link1, link2, link3

Udinese – Cagliari ore 15:00 link1, link2

Berlusconi e le tesi complottistiche

E se fosse tutto una grande farsa?

Ho trovato quest’analisi dettagliata sul blog “eretici”. Sono quattro punti che cercano di mettere in evidenza elementi strani e non compatibili con una vera aggressione:

1) Qualunque pirla decidesse di fargli un attentato non lo farebbe sicuramente con una "invisibile" statuetta del duomo di Milano ma si procurerebbe qualcosa di più sostanzioso e di più efficace. Tralasciando alcune tonnellate di tritolo, (come nel caso di Borsellino, Falcone o Stazione di Bologna, che quelle sono disponibili solo alla mafia e agli apparati dello Stato, all'uomo comune resterebbero a disposizione comunque una miriade di altri mezzi atti a commettere un atto che faccia un qualche danno all'aggredito. Non ve li elenco per un fatto di decenza, sia perché sono facilmente affioranti nella fantasia di ciascuno di voi, sia perché altrimenti qualcuno potrebbe fraintendere questa analisi e definirla come in effetti non è; istigazione alla violenza. Tanto per completare il concetto, se volete fare proprio una azione eclatante, la prossima volta colpitelo con un pupazzo di peluche di quelli soffici soffici che non abbiano anima solida interna e che e' più spettacolare oltre che più sicura di una statuina di materiale solido e raggiungerebbe un effetto molto più efficace e universale: far sorridere tutti, maggioranza e opposizione, che così la smetterebbero di litigare almeno per una volta.

2) Punto due, Lui che pure viene ripreso 24 ore su 24 da uno stuolo infinito di telecamere piazzate sempre nei punti strategici e che ci danno di Lui sempre tutte le immagini ad altissima definizione dalle quali si evince persino il colore della carta igienica del suo cesso, in questa occasione (storica peraltro) vi era appostato un unico teleoperatore con telecamera antidiluviana (immagini che fanno pena) e che dopo averlo ripreso costantemente fino a quel momento, proprio nel momento clou decide di andarsene a raccogliere "babbaluci" verso una inquadratura diversa.
Quando l'inquadratura torna sulla scena del crimine tutto era già avvenuto.
Che cosa fosse avvenuto esattamente E COME fosse avvenuto non e' dato sapere.


3) Punto tre, la logica. Posto che una persona "protetta" dalle aggressioni venga messa precipitosamente al sicuro all'interno della macchina blindata, la cosa più ovvia e più immediata da fare per qualunque scorta di questo mondo che si rispetti, sarebbe stata quella di allontanarsi a tutta velocità dal luogo del misfatto ad evitare agli attentatori l'attuazione di eventuali piani di riserva B e/o C nel caso non fosse andato a segno il piano A.
Invece no!
Loro indugiano. Aspettano che lui finisca di ripulirsi (o sporcarsi?) il volto di quel sangue rosso cardinale, (rosso come il colore rosso dei comunisti), e lasciano che lui esca di nuovo dall'abitacolo per offrirsi, stavolta sì in modo QUASI chiaro (quanto basti) alla scena madre, a quell'unica telecamera autorizzata ad effettuare le riprese. Proprio cosi! Unica telecamera autorizzata (o forse ce n'era anche qualche altra ad usum Delphinii che a noi non e' dato sapere) mentre altre telecamere al di fuori della scena riprendevano un povero fotografo che veniva BRUTALMENTE E VIOLENTEMENTE CACCIATO VIA dalla scena per evitargli di scattare qualche innocente foto, che magari con le macchine modernissime ad altissima risoluzione ci avrebbe potuto dare qualche dettaglio in più del sangue che inesistente pochi istanti prima mentre lui si infilava dentro la macchina appariva copiosamente distribuito su tutto il volto, senza nemmeno una gocciolina sul fazzoletto, né sul polsino della camicia e nemmeno (naturalmente) sul suo colletto.
La perfezione scenica è perfezione scenica, diamine!!!

 

4) Punto 4 che potrebbe definirsi anche punto 1.A. In questi giorni lui è stato oggetto di dure manifestazioni di disistima e anche stasera durante il suo "comizio" rivolto a una folla irrisoria (o irrilevante come la definirebbe lui stesso) c'è stata parecchia gente che lo ha fischiato mentre parlava, e addirittura appena qualche giorno fa a Torino ha dovuto spiegare ingenti forze per tenere lontana la folla di dissenzienti che gli contestano oltre alla visione che lui ha della politica, soprattutto il disprezzo che dimostra sempre e in ogni occasione nei riguardi della miseria di chi non riesce più nemmeno a trovar qualcosa da mangiare, che è la vera e unica ragione foriera di disperazione che induce alla violenza, e non le parole colorite di qualcuno dell'opposizione.
Ebbene, in questo clima così pesante che gli ha fatto da tempo perdere la voglia di farsi i suoi eccitantissimi "bagni di folla", anche perché da più parti gli arrivavano segnali non certo distensivi di una Italia inferocita nei suoi riguardi, e non certo per colpa dei leaders dell'opposizione, (anzi... costoro sono considerati, dalla massa, troppo permissivi e troppo deboli...) ebbene lui subito dopo una "contestazione" nella piazza, anziché infilarsi dentro l'auto blindata e farsi portare via al sicuro, sceglie, così, improvvisamente, di andare a "stringere le mani" ai suoi ammiratori, avvicinandosi a quelle transenne, con quella sua macchina messa ad attenderlo cosi pericolosamente vicina ad esse?
Ebbene o i nostri servizi di sicurezza non hanno sufficiente polso per impedirgli di commettere certi gesti sconsiderati oppure era già stato tutto programmato precedentemente.
Last but not the Least, (che sarebbe una inglesizzazione del nostro Dulcis in fundo) nonostante l'enorme numero di agenti a disposizione che lo proteggono 24 ore su 24 e che avrebbero potuto (E DOVUTO) mischiarsi in mezzo alla folla, almeno nelle prime file per una profondità tale da avere una densità di almeno 2-3 poliziotti per ogni estraneo in modo da poterlo controllare "e palpare", oltre che verificarne la collocazione politica (un avversario non si metterebbe mai per esempio a fingere acclamandolo) invece nulla, si consente a chiunque con un oggetto contundente (ma l'hanno visto soltanto dopo che lo ha usato?) di avvicinarsi pericolosamente al protetto, proprio a colui che in questo momento ha certamente più bisogno di protezione rispetto a chiunque altro.
E certamente per causa sua, o delle sue scelte di campo, che i suoi amici definiscono "coraggiose" mentre i poveracci e i derelitti definiscono miserabili e foriere di ulteriori miserie.

Sotto il video che sostiene la tesi complottistica:

Ed ora chi pagherà il lifting?

cerone

Il partito dell’amore

Da Cicciolina a Silvio

cicciolina Lei sarà più bella o più intelligente?

Nel sito antefatto.ilcannocchiale.it possono trovare alcune chicche che ho deciso di pubblicare anche in questo blog. Perchè se vogliono filtrare le notizie sul web, mettendo un bavaglio alla gente che cerca di esprimere liberamente la propria opinione, dobbiamo prima analizzare frasi e modi di fare dei nostri politici, ed in questo specifico caso, del nostro presidente del consiglio.

Il bon ton con gli avversari
"Veltroni è un coglione" (Berlusconi, 3/9/95). "Veltroni è un miserabile" (Berlusconi, 4/4/2000). "Giuliano Amato, l'utile idiota che siede a Palazzo Chigi" (Berlusconi, 21/4/2000). "Prodi? Un leader d'accatto (Berlusconi, 22/2/95). "La Bindi e Prodi sono come i ladri di Pisa: litigano di giorno per rubare di notte" (Berlusconi, 29/9/96). "Prodi è la maschera dei comunisti" (Berlusconi, 22/5/2003). "Prodi è un gran bugiardo pericoloso per tutti noi" (Berlusconi, 21/10/2006). "Prima delle elezioni ho potuto incontrare due sole volte in tv il mio avversario, e con soli due minuti e mezzo per rispondere alle domande del giornalista e alle stronzate che diceva Prodi". (Berlusconi alla scuola di formazione politica di Forza Italia, 2 luglio 2007)."Con Prodi a Palazzo Chigi è giusto dire: piove governo ladro" (Berlusconi, 10/4/2008). “Il centrosinistra? Mentecatti, miserabili alla canna del gas” (Berlusconi, 4/4/2000)."Signor Schulz, so che in Italia c’è un produttore che sta montando un film sui campi di concentramento nazisti. La suggerirò per il ruolo di kapò" (inaugurando la presidenza italiana dell’Unione europea e rispondendo a una domanda del capogruppo socialdemocratico, il tedesco Martin Schulz, sul conflitto d’interessi, 2 luglio 2003). "Sono in politica perché il Bene prevalga sul Male. Se la sinistra andasse al governo l’esito sarebbe questo: miseria, terrore, morte. Così come avviene ovunque governi il comunismo (Berlusconi, 17/1/2005).


Il rispetto per gli elettori
“Lei ha una bella faccia da stronza!” (alla signora riminese Anna Galli, che lo contestava, 24/7/ 2003).“Non credo che gli elettori siano così stupidi da affidarsi a gente come D’Alema e Fassino, a chi ha una complicità morale con chi ha fatto i più gravi crimini come il compagno Pol Pot” (Berlusconi, 14 dicembre 2005). "Ho troppa stima dell'intelligenza degli italiani per pensare che ci siano in giro così tanti coglioni che possano votare facendo il proprio disinteresse" (discorso di Berlusconi davanti alla Confcommercio il 4/4/2006). “Le nostre tre “I”: inglese, Internet, imprese. Quelle dell’Ulivo: insulto, insulto e insulto” (27/5/2004).


L'armonia con gli alleati
Berlusconi: “Parliamo della par condicio: se non abbiamo vinto le elezioni, caro Follini, è colpa tua che non l’hai voluta abolire”. Follini: “Io trasecolo. Credevo che dovessimo parlare dei problemi della maggioranza e del governo”. Berlusconi: “Non far finta di non capire, la par condicio è fondamentale. Capisco che tu non te ne renda conto, visto che sei già molto presente sulle reti Rai e Mediaset”. Follini: “Sulle reti Mediaset ho avuto 42 secondi in un mese”. Berlusconi: “Non dire sciocchezze, la verità è che su Mediaset nessuno ti attacca mai”. Follini: “Ci mancherebbe pure che mi attacchino”. Berlusconi: “Se continui così, te ne accorgerai. Vedrai come ti tratteranno le mie tv”. Follini: “Voglio che sia chiaro a tutti che sono stato minacciato” (Discussione con l’Udc Marco Follini, secondo i quotidiani dell’11 luglio 2004).


La sacralità delle toghe
“I giudici sono matti, antropologicamente diversi dal resto della razza umana... Se fai quel mestiere, devi essere affetto da turbe psichiche” (Berlusconi, The Spectator, 10/9 2003). “In tutti i settori ci possono essere corpi deviati. Io ho una grandissima stima per la magistratura, ma ci sono toghe che operano per fini politici. Sono come la banda della Uno bianca” (Berlusconi, dopo l’arresto del giudice Renato Squillante, 14/5/96. Ma il riferimento è per quelli che l’hanno arrestato). “I Ds sono i mandanti delle toghe rosse. Noi non attacchiamo la magistratura, ma pochi giudici che si sono fatti braccio armato della sinistra per spianare a questa la conquista del potere” (Berlusconi, 1/12/99). “I giudici di Mani Pulite vanno arrestati, sono un’associazione a delinquere con licenza di uccidere che mira al sovvertimento dell’ordine democratico” (Vittorio Sgarbi, “Sgarbi quotidiani”, Canale5, 16/9/94).“Gian Carlo Caselli è una vergogna della magistratura italiana, siamo ormai in pieno fascismo: si comporta come un colonnello greco, in modo dittatoriale, arbitrario, intollerante. I suoi atti giudiziari hanno portato alla morte” (Vittorio Sgarbi, 8/12/94). “Nelle mie televisioni private non ci sono mai state trasmissioni con attacchi, perchè noi siamo liberali” (Berlusconi, 21/ 5/2006). "Silvio Berlusconi, durante l'ufficio di presidenza del Pdl ancora in corso, secondo quanto riferito da alcuni partecipanti, ha parlato di una vera e propria persecuzione giudiziaria nei suoi confronti , che porta il paese sull'orlo della guerra civile" (Ansa, 29/11/09)


La fiducia nella democrazia
"Si è messo mano all’arma dei processi politici per eliminare l’opposizione democratica. Non siamo più una democrazia, ma un regime. Da oggi la nostra opposizione cessa di essere opposizione a un governo e diventa opposizione a un regime" (Berlusconi, dopo una condanna in primo grado tangenti, 8/8/98). “La libertà non si può più conquistare in Parlamento, ma con uomini lanciati in una lotta di liberazione. Senza la devoluzione, da qui possono partire ordini di attacco dal Nord. Io sono certo di avere dieci milioni di lombardi e veneti pronti a lottare per la libertà” (Umberto Bossi al “parlamento padano”, presente Berlusconi, Ansa, 29/9/2007). "Boicotteremo il Parlamento, abbandoneremo l’aula, se necessario daremo vita a una resistenza per riconquistare la libertà e la democrazia” (Berlusconi, 3/3/95). "In Italia c’è uno Stato manifesto, costituito dal governo e dalla sua maggioranza in Parlamento, e c’è uno Stato parallelo: quello organizzato in forma di potere dalla sinistra nelle scuole e nelle università, nel giornalismo e nelle tv, nei sindacati e nella magistratura, nel Csm e nei Tar, fino alla Consulta. Se si consentirà a questo Stato occulto di unirsi allo Stato palese, avremo in Italia un regime vendicativo e giustizialista, mascherato di legalità e ostile a tutto ciò che è privato" (Berlusconi, 5/4/2005). "Adesso diranno che offendo il Parlamento ma questa é la pura realtà: le assemblee pletoriche sono assolutamente inutili e addirittura controproducenti".(Berlusconi, 21/5/2009)

Il galateo istituzionale
“Il presidente Scalfaro è un serpente, un traditore, un golpista” (Berlusconi, La Stampa, 16/1/95). "Altro che impeachment! Scalfaro andrebbe processato davanti all’Alta Corte per attentato alla Costituzione. E di noi due chi ha maneggiato fondi neri non sono certo io. D’altra parte, Scalfaro da magistrato ha fatto fucilare una persona invocandone contemporaneamente il perdono cristiano. Bè, l’uomo è questo! Ha instaurato un regime misto di monarchia e aristocrazia” (Berlusconi 18/1/95). "Io non sono in contrasto con il capo dello Stato, non ne ho nessun motivo, anzi sono un suo sostenitore convinto. Ho con lui un rapporto molto cordiale" (Berlusconi, 28/2/95). "Ma vaffanculo!" (Berlusconi, accompagnando l’insulto con un gesto della mano, mentre il presidente emerito Scalfaro denuncia in Senato il «servilismo» della politica estera del suo governo nei confronti degli Usa sull’Iraq, 27/9/2002). "Italia vaffanculo" (Tre eurodeputati leghisti, commentando in aula a Strasburgo l'intevento del presidente Carlo Azeglio Ciampi, 5/7/05). "Questi signori, che hanno vinto delle elezioni taroccate, hanno arrogantemente messo le mani sulle istituzioni: il presidente della Repubblica è uno di loro" (Berlusconi, riferendosi al presidente, Giorgio Napolitano, 21/10/06).


Ed infine la geniale vignetta di Lino Giusti e Roberto Mangosi:


“L’amore vince sempre sull’invidia e sull’odio”

-Silvio Berlusconi-

sabato 19 dicembre 2009

Appuntamenti e feste per il tempo di Natale

Parrocchia SS.mo Crocifisso


Mercoledì 16 - Giovedì 24 dicembre:
Ore 18:00; Celebrazione della Santa Messa con il canto della Novena Liturgica in preparazione al Santo Natale;

Lunedì 21- Martedì 22 dicembre:
Ore 15:30 – 17:30; Laboratorio dei ragazzi “Riciclare con fantasia” presso l’Oratorio Parrocchiale seguito dall’Associazione “Summer A.S.D.”;

Martedì 22 dicembre:
Ore 20:00; Liturgia penitenziale nella Chiesa Parrocchiale;

Mercoledì 23 dicembre:
Ore 18:45; Dopo la Messa delle ore 18:00 consegna dei regali ai bambini nei pressi della capanna in piazza;

Giovedì 24 dicembre (Vigilia di Natale):
Ore 18:00; S. Messa nella vigilia di Natale con canto della Novena Liturgica;
Ore 11:30; Ufficio delle letture e Messa di Mezzanotte. A seguire deposizione del bambinello Gesù nel presepe allestito in Piazza;

Venerdì 25 dicembre (Natale del Signore):
Ore 18:00; Santa Messa di Natale (Unica del giorno);

Sabato 26 dicembre:
Ore 18:00; Santa Messa;
Ore 20:30; Spettacolo Natalizio tenuto dal gruppo parrocchiale “Madrice di Mussomeli” all’Oratorio Parrocchiale;

Domenica 27 dicembre (Festa della Sacra Famiglia di Nazareth):
Ore 11:00; Santa Messa,
Ore 18:00; Santa Messa con la partecipazione delle famiglie della parrocchia ed in particolare delle coppie di novelli sposi, dei 25° e dei 50° anniversari di matrimonio;

Martedì 29 dicembre:
Ore 19:00; Concerto Bandistico presso l’Oratorio Parrocchiale;

Mercoledì 30 dicembre:
Ore 16:00; Tombola per i ragazzi presso l’Oratorio Parrocchiale;

Giovedì 31 dicembre:
Ore 18:00; Santa Messa con il canto del “Te Deum” di ringraziamento di fine anno. A seguire “Adorazione Eucaristica” fino alle ore 21:00.

Venerdì 1 gennaio (Solennità Maria Madre di Dio):
Ore 18:00; Santa Messa (Unica del giorno);

Lunedì 4 gennaio:
Ore 20:30; Tombola per bambini e adulti presso l’Oratorio Parrocchiale con raccolta fondi per la struttura dell’Oratorio;

Mercoledì 6 gennaio (Epifania del Signore):
Ore 18:00; Santa Messa (Unica del giorno);

Domenica 10 gennaio (Battesimo del Signore):
Ore 11:00; Santa Messa
Ore 18:00; Santa Messa con tutti i bambini battezzati nell’anno 2009.

Auguri a tutti!

giovedì 17 dicembre 2009

Il presepe di Bompensiere

"Ho sempre pensato al Natale come ad un bel momento. Un momento gentile, caritatevole, piacevole e dedicato al perdono. L'unico momento che conosco, nel lungo anno, in cui gli uomini e le donne sembrano aprire consensualmente e liberamente i loro cuori, solitamente chiusi."
-C. Dickens-

Presepe_Bompensiere_2009_Piazza_S.S.Crocifisso (5)

Riceviamo molte e-mail di emigrati che si collegano al blog. In molti mi hanno confessato che si sentono più vicini al loro paese natio quando sfogliano le pagine dell’album delle foto antiche e delle varie iniziative bompensierine.

Proprio a loro voglio dedicare un intero album digitale contenente delle immagini del presepe allestito nella piazza S.S. Crocifisso di Bompensiere. Ci sono voluti diversi giorni di per terminare un lavoro diretto e realizzato, nella sua totale interezza, dallo stilista Maurizio Licata (in arte “Mali”).

Sono tuo

Rilassatevi e godetevi 8 minuti ed 11 secondi di spettacolo.
La Musica è come l'Amore. ("meglio in due")


Buona Vita a tutti.


Traduzione testo canzone “I’m yours” Jason Mraz

bene bene tu mi hai fregato e tu scometti che io lo sento
io provato ad esser freddo ma tu sei così calda che mi sciolgo
sono caduto attraverso le crepe ma sto cercando di ritornare indietro
prima che la fredda fregatura esca fuori io daro’ la mia miglior prova
e niente mi fermerà tranne l’intervento divino
io so che è il mio turno per vincere o perdere qualcosa

io non esistero’ più
non più,non posso aspettare sono tuo

spalanca la tua mente e osserva come me
libera i tuoi programmi e dannazione tu sarai libero
guarda nel tuo cuore e tu trovarai amore amore amore
ascolta la musica del momento e magari canta con me
ah,melodica pacifica
è il tuo dio dabbandonato pronto per essere amato amato amato amato

cos’ io non esitero’ più
mai più,io non posso aspettare sono sicuro
non c’è bisogno di complicarsi il nostro tempo è breve
è il nostro destino sono tuo

io ho speso molto tempo cercando la mia figura nello specchio
e andando su e giù per vedere più chiaramente
il mio respiro appannava il vetro
così ho disegnato un nuovo volto e ho riso
penso che per quello che sto dicendo non ci sia una ragione migliore
per sbarazzarsi della vanità e andare solamente avanti nelle stagioni
è quello che cerchiamo di fare
il nostro nome è la nostra virtù

cos’ io non esitero’ più
mai più,io non posso aspettare sono sicuro
non c’è bisogno di complicarsi il nostro tempo è breve
è il nostro destino sono tuo

per piacere non complicarti il nostro tempo è breve
questo è il nostro destino,io sono tuo
no per piacere non esitere mai più,più
io non posso aspettare,il cielo è tuo

spalanca la tua mente e osserva come me
libera i tuoi programmi e dannazione tu sarai libero
guarda nel tuo cuore e tu trovarai amore amore amore
ascolta la musica del momento e balla con me
ah,siamo una grande famiglia
è il tuo dio abbandonato pronto per essere amato amato amato amato
spalanca la tua mente e osserva come me
butta in aria i tuoi progetti e dannazione tu sarai libero
guarda nel tuo cuore e troverai amore amore amore
ascolta la musica del momento e balla con me
ah,famiglia felice
è il nostro di abbandonato pronto per essere amato amato amato…
ascolta la musica del momento vieni e balla con me….
ah pacifiche melodie...

Progetto “Riciclare con Fantasia”

ASD_summer_Bompensiere

In collaborazione con

PARROCCHIA SS.CROCIFISSO COMUNE DI BOMPENSIERE

L’artista GIUSEPPINA CINO

Organizzano il progetto

 

RICICLARE CON FANTASIA

L’obiettivo è quello di far comprendere l’importanza del riciclaggio mediante la creazione di souvenir, centri tavola, accessori vari con materiale riciclato.

Alcuni degli oggetti prodotti saranno messi in palio come premi nel corso della tombolata del 4 gennaio 2010, altri saranno posti in vendita e il ricavato sarà devoluto quale contributo per i lavori di ristrutturazione dell’oratorio.

Il progetto è rivolto a tutti i ragazzi di età compresa tra i 6 e i 13 anni e si svolgerà nei giorni 21 e 22 Dicembre dalle ore 15:30 alle ore 17:30, presso l’oratorio Maria Immacolata.

Si consiglia ai partecipanti di vestire con idoneo abbigliamento, visto l’utilizzo di vernici e colle.

Materiale riciclato da portare (facoltativo): bottiglie di vetro di forme particolari, barattoli di vetro, vasetti, posacenere, fiori e sacchetti da bomboniere, tazzine , piattini.

 

Il Presidente

Fabiola Nicastro

Berlusconi


Ok, mettiamola così: quando si prende la decisione di scrivere su un blog si hanno due possibilità: o si scrive senza alcun senso di responsabilità verso i lettori, oppure si cerca di non buttare sempre tutto in vacca e si prova invece a fare, ogni tanto, un’analisi seria della cronaca. Il blogger, per quanto modesto possa essere il suo seguito, deve infatti assumere la consapevolezza di fare, in qualche modo, opinione ed è quindi mia decidua, basale intenzione non sottrarmi a questo compito, anche a costo di esprimere concetti triti e ritriti su quel cattivo romanzo criminale di cui, bene o male, siamo tutti protagonisti.

Ora, è chiaro che ogni atto di violenza è di per sé esecrabile. Tuttavia, bisognerebbe mettere in chiaro il concetto di violenza stesso che, a mio modesto avviso, non è solo quella che comporta un danno corporale. Infatti, la violenza psicologica è senz’altro condannabile tanto quella “materiale” in senso stretto e non a caso è stato coniato il detto “ferisce più la penna (o la lingua) della spada”, alludendo al fatto che si può rovinare la vita di una persona anche solo pubblicando notizie infamanti sul suo conto.

Giova forse a questo punto ricordare il caso di Adriano Sofri, giudicato uno dei mandanti morali dell’omicidio Calabresi, e per questo condannato a 22 anni di reclusione, sulla base di alcuni articoli apparsi sul periodico Lotta continua, creando così un pericoloso precedente che solo in Italia non ha avuto praticamente nessuna conseguenza per la miriade di attacchi personali che continuano ad essere somministrati ad personam attraverso la strumentalizzazione dell’istigata indignazione delle masse. Inoltre, non è superfluo, anzi, sottolineare un non troppo ardito parallelo con l’attentato del 31 ottobre 1926 contro Benito Mussolini che fu il pretesto per la promulgazione delle leggi fascistissime che prevedevano: l’annullamento dei passaporti; sanzioni contro gli espatri clandestini; soppressione dei giornali antifascisti; scioglimento dei partiti; istituzione del confino e la creazione di una polizia politica segreta [...] ; il 9 v’è la dichiarazione di decadenza dal mandato parlamentare di 120 deputati; il 25 viene istituita la pena di morte per chiunque commetta un fatto diretto contro la vita, l’integrità o la libertà personale del re, della regina, del principe ereditario e del capo del governo, nonché per gli altri delitti contro lo Stato; nella stessa data viene inoltre creato il Tribunale speciale, che entra subito in azione contro la “centrale comunista. [fonte]

Ecco che allora bisognerebbe chiedersi se il detto “chi la fa l’aspetti” dovrebbe essere annoverato tra le grandi leggi della duomodinamica e se non sarebbe anche il caso di mettere un bel bavaglio a tutti coloro i quali fanno della flatulenza verbale una sorta di venticello maligno e sobillatore delle basse, bassissime vie aeree inferiori. Perché se è vero che un’oculata campagna mediatica contro un personaggio pubblico può armare la mano di un folle o presunto tale, è altrettanto vero che non è provabile a priori la malafede di tale attacco a mez zo stampa ed è quindi lecito ammettere la possibilità che i pericoli ventilati siano del tutto concreti e reali. A tal proposito, mi piacerebbe chiedere a qualche prezzolato giornalista, che si strappa le vesti di dosso per difendere il proprio datore di lavoro, se avrebbe gridato allo scandalo anche nel caso d’una serie di attacchi personali a Saddam Hussein, piuttosto che ad Adolf Hitler; o se, diversamente, li avrebbe giudicati doverosi, arrivando persino a giustificare un’eventuale guerra preventiva nei loro confronti.

Altro discorso sono i simboli di violenza e la loro ostentazione sui mass media. Come giudicare, ad esempio, l’atteggiamento di un uomo politico, piuttosto che di un affermato cannoniere, di primo piano non americano che mima il gesto di un mitra verso una giornalista dalla dubbia longevità? Non è forse quello un atto di violenza psicologica spacciato per intrattenimento non richiesto? Io credo di sì.

Dopo queste doverose premesse, eccomi giunto al punto della questione. Perché magari qualcuno dei miei affezionatissimi lettori giunge qui nella speranza di sapere come la penso sul fatto del momento e non trova alcun accenno, andandosene quindi sconsolato a leggere qualche blogger davvero bravo. Ebbene, non rimarrete delusi, ve lo prometto. Vi farò sapere esattamente come la penso.

Ecco, secondo me, non sono del tutto infondate le critiche mosse a Beyoncé Knowles e ad Angelina Germanotta, in arte Lady Gaga. Voglio dire, capisco che il tutto può essere inquadrato nell’allargatissimo concetto di provocazione ed in quello dell’abusata libertà d’espressione, ma c’era proprio bisogno di metterci tutte quelle armi in quel cribbio di videoclip? Non c’è già abbastanza violenza, in questo mondo di ladri? Mah…

Comunque, anche se talvolta Lady Gaga, come in Bad Romance, sembra scimmiottare la già primatissima Dragostea Din Tei di Haiducii, devo ammettere che ha talento e sa vendersi bene. Successi come Just Dance, Poker Face e Paparazzi, tutti al numero uno della Billboard americana, la hanno consacrata come nuova stella del firmamento pop e, se saprà gestirsi, si è praticamente sistemata per tutta la vita. Complimenti.



mercoledì 16 dicembre 2009

L’artista misterioso colpisce ancora

Ma la gente non ha niente da fare?


Ci dispiace vedere ancora i sacchetti contenenti la plastica da riciclare in giro per il paese.

Dopo l'ennesima rappresentazione umoristica (questa volta con un ombrello e tanto di volti tristi) l'artista misterioso è venuto a riprendersi orsacchiotto e corda. Abbiamo avuto modo di farci due risate ma mi ha anche fatto promettere che non avrei pubblicato il suo nome.


martedì 15 dicembre 2009

Dalla noia alla letizia in poche ore

Vi avevo accennato qui circa i due sacchetti annoiati, e cosa succede? Verso le 16 scendo da casa e noto uno strano bigliettino:

“ADESSO NON SI ANNOIANO PIU’. E’ TORNATO IL SOLE!!!”

Mi volto e mi ritrovo davanti questa scenetta:



Sarebbe bello conoscere l'autore di questa simpaticissima rappresentazione!!


P.S. l’orsacchiotto e la corda sono conservate a casa mia, potete venire a ritirarle quando volete.



Bompensiere: un paese sommerso dalla plastica

Da queste foto si evince chiaramente che anche Bompensiere vuole entrare a far parte di quei paesi virtuosi che hanno deciso di collaborare per mantenere più pulito l’intero pianeta. Speriamo solo che l’ATO prenda coscienza che così non si va da nessuna parte!

Per farvi fare un’idea inserisco sotto le immagini ,scattate nel primo pomeriggio, di alcune strade invase da sacchetti pieni di plastica abbandonati lungo i marciapiedi:


151220091164




Via Guglielmo Marconi Bompensiere







151220091150



Via Principe di Scalea corso di Bompensiere






151220091152




Via Principe di Scalea corso di Bompensiere






151220091155




Via Principe di Scalea corso di Bompensiere





151220091156





Via Principe di Scalea corso di Bompensiere






151220091157




Via Principe di Scalea corso di Bompensiere





151220091159




Via Pace Bompensiere





151220091160




Via Pace Bompensiere






151220091161



Via Pace Bompensiere





151220091162




Via della Regione Siciliana Bompensiere





151220091168




Via della Regione Siciliana Bompensiere







151220091169




Via Padre Montalto Bompensiere





151220091165




Via Guglielmo Marconi Bompensiere

DisastrATO a Bompensiere

La raccolta differenziata, alla fine, è risultata ...un bidone

Continuano i disservizi legati alla raccolta differenziata. Dal 24 febbraio del 2009, nel comune di Bompensiere, sono stati distribuiti dei volantini dove venivano elencati i giorni in cui doveva esser effettuato, da parte degli operatori, il ritiro di plastica, carta e vetro.

Avevamo apprezzato questo segno di civiltà sostenendo pienamente la differenziazione dei rifiuti. Dopo neanche 9 mesi possiamo apertamente dire che il sistema non funziona. E questa volta non per una mancanza di senso civico da parte del cittadino, ma a causa della totale disorganizzazione dell’ente che si occupa della raccolta e smaltimento del pattume.

Osservando i paesi limitrofi ci si rende conto che ogni comune ha a disposizione almeno due mezzi per la raccolta dell’immondizia ed uno di essi viene impiegato per la differenziata. Bompensiere invece dispone di un unico autocarro che è momentaneamente guasto. Gli operatori ecologici sono così costretti ad usare quello di Milena con tutti i disagi che ne conseguono.

Infine mi viene da ridere quando sento parlare di cassonetti intelligenti mentre per il paese si notano sacchetti variopinti, contenenti rifiuti da riciclare, che non vengono raccolti.


Nella foto due sacchetti annoiati, davanti un'abitazione di Bompensiere, che attendono di essere raccolti

lunedì 14 dicembre 2009

Sicilianamente – Bompensiere 2 – 1. Il video della partita

Cliccate qui per visualizzare tutti i video della squadra Sicilianamente (Montedoro).

Terza categoria Caltanissetta ottava giornata. Risultati e classifica

Continua la striscia negativa del Bompensiere

Ecco tutti i risultati dell’ottava giornata (13 dicembre 2009):

ASD Milocca - ASD Acquaviva 2-2

ASD Chiaramontana - ASD Milena2-1

ASD Caterinese - APD Aurora 4-0

ASD Giovanni Paolo II - ASD Villalba 4-1

ASD Vallelunga - ASD Real Suttano1-1

ASD Sicilianamente - POL Bompensiere 2-1

ASD Accademia Mazzarinese - ACSD Libertas A. Capra 3-1


CLASSIFICA:

Caterinese 24 punti

Real Suttano 19

Sicilianamente Montedoro 16

Acquaviva 13

Giovanni Paolo II San Cataldo 12

Aurora Mussomeli 11

Accademia Mazzarinese 10

Libertas Capra Santa Caterina 10

Milena 10

Chiaramontana Mussomeli 10

Vallelunga 7

Milocca 7

Villalba 6

Bompensiere 4



Prossimo turno domenica, 20 dicembre 2009


ASD Acquaviva-ASD Giovanni Paolo II ore14:30

ASD Milena Calcio-ACSD Libertas A. Capra ore14:30

POL Bompensiere-ASD Chiaramontana ore14:30

ASD Real Suttano-ASD Sicilianamente ore 14:30

ASD Villalba-ASD Vallelunga ore14:30

APD Aurora-ASD Milocca ore 14:30

ASD Caterinese-ASD Accademia Mazzarinese ore 14:30

venerdì 11 dicembre 2009

La musica segreta delle piante

Lo scopo del regno vegetale è di nutrire animali e uomini, consolidare il terreno, accrescere la bellezza e mantenere l'equilibrio nell'atmosfera. Mi venne detto che le piante e gli alberi cantano silenziosamente per noi umani e che tutto ciò che chiedono in cambio è di cantare per loro

-Marlo Morgan-



C'è un universo di suoni nascosti che animano tutto il mondo vegetale: La Musica delle Piante. La voce delle piante è una melodia che scaturisce dal movimento della linfa e si traduce in musica, diversa a seconda degli esemplari. Uno strumento collegato alle foglie con i sensori è in grado di leggere il movimento della linfa, dal quale si può ricavare la melodia.

I primi esperimenti di questo tipo sono stati effettuati in America negli anni Settanta, quasi per gioco, quando un tecnico mise in comunicazione una “macchina della verità” a una pianta in vaso invece che a un essere umano». Si voleva osservare e verificare l’esistenza di una sensibilità di reazione del mondo vegetale di fronte a stimoli esterni.

I vegetali suonano tutto il giorno mentre di notte dormono: è il momento in cui la linfa scorre talmente lenta che la macchina non riesce a percepirla. Un esperimento ha dimostrato che gli alberi manifestano “paura”, per esempio di fronte al fuoco: tendono a raccogliere la linfa verso il tronco, le radici, la parte vitale, mentre i suoni precipitano subito verso toni più gravi.

C’è chi dice che il canto segreto delle piante possa essere ascoltato dall’orecchio umano anche senza apparecchi: una capacità esclusiva solo degli spiriti nobili.

Sotto potrete ascoltare i suoni che emettono diverse piante:

BETULLA

LAVANDA

STELLA DI NATALE

SPHATIPILLUM

ALOCASIA

STRAMONIO


Per gli amanti dell’elettronica pubblico il brevetto con i progetti di tutti i circuiti per la costruzione dei sensori che producono la soave melodia.

giovedì 10 dicembre 2009

mercoledì 9 dicembre 2009

Bayer – Juve 4 – 1

Senza parole… ma con molte immagini!


4 0KUCUGPR--300x6202 3 5 17

 

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails