lunedì 28 giugno 2010

Le immagini del concerto dei Soleada


La musica gitana viene dalla terra, passa attraverso l'anima, e si trasmette col cuore.
-Amedeo Maniglia-

Poichè rischierei di essere poco obiettivo, in quanto faccio parte sia dei "Soleada" che del gruppo di amministrazione di questo blog , ho deciso di pubblicare solo le immagini della serata di Sabato sera.

Anzi, una cosa volevo dirla. Vedere a Milena più di 1.000 giovani (per la questura 550 (*)) che si sono dati appuntamento al chiosco bar Garrasi per ascoltare la calda e coinvolgente musica dei Soleada è stato uno spettacolo nello spettacolo.





(*) Ok ok, lo so che la questura non ha riportato un fico secco, ma era da anni che desideravo scriverlo.

sabato 26 giugno 2010

Lotta ai tumori /2: il Registro tumori


Sempre nell’ambito del convegno di cui si è parlato nel post precedente, è stata presentata un’altra lodevole iniziativa nel campo della prevenzione e della cura di questa terribile patologia.
Si tratta dell’istituzione di un Registro tumori, ovvero di uno studio scientifico che si occupi di seguire la nascita e l’evoluzione dei tumori sul nostro territorio provinciale, comprese le terapie eventualmente seguite dai pazienti al di fuori della nostra Regione o all’estero, nell’arco di un quinquennio.

Il progetto è stato presentato a Bompensiere dall’Assessore provinciale alle politiche sociali Gianluca Miccichè, il quale ha però sottolineato che la Provincia, in questo caso, si occupa solo di coordinare il lavoro dei professionisti delle Aziende sanitarie preposte.
Il progetto è più legato a Bompensiere di quanto non si pensi: pare, infatti, che l’idea sia stata concepita proprio qui, durante le selezioni per Miss Italia tenutesi nel 2008 dall’Ass. Miccichè insieme ad un gruppo di amici.

I vantaggi saranno molteplici. In primis, un Registro del genere permetterà di catalogare i tumori e valutare l’incidenza di ciascuna tipologia tumorale sulla nostra popolazione. Attraverso le indagini e le comparazioni, si potrebbero finalmente verificare, ad esempio, le tante ipotesi sulla recrudescenza di tumori nel nostro territorio, tra cui la vicinanza delle miniere di sale ormai in disuso delle quali si parla tanto, ma senza certezze.

Infine, l’iniziativa, i cui primi risultati si avranno tra circa un anno e mezzo, non sarà da sottovalutare neanche sul piano economico, in quanto permetterà di capire quali tipologie di tumore sono più diffuse nella nostra provincia e quindi investire sulla loro cura e prevenzione, evitando gli sprechi.

venerdì 25 giugno 2010

Lotta ai tumori: con la prevenzione è possibile


L’unica arma veramente forte nella lotta ai tumori è la prevenzione: questo il concetto cardine del convegno tenutosi ieri nell’aula consiliare del nostro Municipio.
Col titolo “Tumori: prevenzione possibile”, il nostro medico di famiglia Alfredo Zoda, la dott.ssa Marcella Santino, responsabile provinciale del progetto, e l’Assessore provinciale Gianluca Miccichè hanno introdotto l’imponente campagna di screening che partirà a breve e interesserà la nostra provincia.
I cittadini che rientrano nelle fasce di età più a rischio per tre tipi di tumore (alla mammella, al collo dell’utero e del colon retto) verranno invitati tramite lettera a recarsi in un giorno stabilito presso l’ospedale Sant’Elia di Caltanissetta (che è stato recentemente fornito di macchinari di ultimissima generazione per questo tipo di esami). Si eviteranno così liste d’attesa interminabili e, soprattutto, come sottolinea la dott.ssa Santino, l’esame sostenuto non resterà isolato: anche se il risultato fosse negativo, la persona che comincia il progetto di screening verrà richiamata tra due anni, in modo tale da individuare, se presenti, anomalie sospette che al primo esame non erano presenti, o non erano abbastanza sviluppate da essere rintracciabili.

Per quanto riguarda il tumore alla mammella, l’esame previsto è la mammografia e la fascia d’età più a rischio è quella delle donne tra i 50 e i 69 anni, che riceveranno l’invito per sottoporsi all’esame. Se l’esito è negativo, si viene avvisate nel giro di circa 30 giorni tramite comunicazione scritta; se dovessero esserci invece dubbi che necessitano ulteriori approfondimenti, qualche giorno dopo l’esame la persona viene ricontattata telefonicamente per fissare un esame più preciso, che in questo caso sarà l’ago aspirato. Individuare un tumore del genere a uno stadio iniziale è molto utile, perché consente di evitare interventi invasivi e traumatici come la mastectomia. Inoltre, l’Azienda sanitaria Provinciale di Caltanissetta, in collaborazione con associazioni come l’ADOS (associazione donne operate al seno) e l’AIRC (associazione italiana per la ricerca sul cancro) metterà in atto una campagna di sostegno pre e post-operatorio per le donne che cominciano questo doloroso percorso: “L’intervento può creare delle ferite a livello psicologico” ha spiegato la dott.ssa, “perché un tumore che interessa il seno o, nel caso di quello della cervice uterina, l’apparato riproduttivo, è un tumore che può devastare la vita di coppia e i rapporti umani”.

Ancora più importante si dimostra la prevenzione per il tumore al collo dell’utero, un tumore molto “subdolo”, perché cresce lentamente e può manifestarsi anche dopo più di anno dall’insorgenza. La fascia target si estende addirittura dai 24 ai 65 anni, ma “le ragazze dai 24 ai 35 anni sono quelle che meno si sottopongono agli esami preventivi”, ammette con rammarico la responsabile del progetto, “forse per incoscienza, o perché sono convinte di essere troppo giovani per poter ammalarsi di questo tipo di cancro. Non è così: anzi, questa è la fascia che dovrebbe sottoporsi, quando possibile, alla vaccinazione contro il Papilloma virus, una delle cause della patologia”. Anche chi non riceve la lettera di invito può volontariamente presentarsi al consultorio (o, nel caso di Bompensiere, ad un “punto di prelievo” che verrà a breve istituito) e chiedere di essere inserito nel programma di screening.
L’esame a cui verranno sottoposte le donne interessate è lo striscio vaginale (detto anche PAP TEST); la lettura degli esami (e ciò vale per tutti gli esami di screening) è stata definita una lettura “di qualità”, in quanto i risultati dei test vengono analizzati in un centro specializzato a Catania, e comunque da due radiologi in tempi e luoghi diversi: se anche solo uno dei due ha un sospetto, si viene immediatamente contattate per l’approfondimento. In questo caso si tratterà di un esame leggermente più complesso, ovvero la colposcopia. Se si dovesse riscontrare un tumore, intercettandolo ad uno stadio iniziale, si potrà intaccare il meno possibile la funzionalità dell’utero, asportandone la piccola parte periferica interessata dalla malattia e garantendo così alle donne più giovani una vita sessuale e riproduttiva nella norma.

Infine, sia uomini che donne dai 50 ai 69 anni dovrebbero interessarsi alla prevenzione del tumore al colon retto. Per rintracciare questa patologia, ci si sottopone ad una ricerca del sangue occulto contenuto nelle feci (“E non a quell’esame fastidioso che è la colonscopia, come molti pensano!”, sottolinea la Santino). In farmacia sarà possibile ritirare un contenitore specifico che permette di prelevare un campione delle proprie feci, campione che in giornata deve essere riconsegnato alla stessa farmacia e qui verrà ritirato dalla Federfarma (Federazione nazionale dei titolari di farmacia italiani).Unica raccomandazione: per le donne, non effettuare il prelievo durante il ciclo mestruale; per gli uomini, non effettuarlo in caso di emorroidi sanguinanti.

Ci auguriamo dunque che i bompensierini rispondano in massa all’invito, nella speranza che non si ripeta l’interruzione dello screening verificatasi qualche anno fa. L'amministrazione, rappresentata dal Sindaco e dall'assessore Marotta, da parte sua ha assicurato collaborazione, mettendo a disposizione addirittura un mezzo per facilitare lo spostamento di quanti si volessero sottoporre agli esami.
La prevenzione è un nostro diritto, ed è la parola chiave per sconfiggere le patologie tumorali sul nascere.

giovedì 24 giugno 2010

Slovacchia - Italia 3 - 2

IMBARAZZANTE: fuori e ultimi nel girone


Cassano l'avrebbe vinta da solo.

Soleada in concerto Live

Sabato 26 Giugno 2010 alle ore 21:30
in CORSO PIETRO NENNI a MILENA,
al CHIOSCO BAR TABACCHI GARRASI


Iscrivetevi al Soleada Fan Club e sarete aggiornati su tutte le novità le date e gli eventi.
Ecco il link: http://www.facebook.com/group.php?gid=128468807178522&ref=ts

lunedì 21 giugno 2010

Convegno a Bompensiere


AMMINISTRAZIONE COMUNALE
BOMPENSIERE


IN DATA 24 GIUGNO 2010 ALLE ORE 18:00 PRESSO LA SEDE DEL PALAZZO COMUNALE SI TERRA’ UN CONVEGNO SUL TEMA:

“TUMORE: PREVENZIONE POSSIBILE”

INTERVERRANNO:

-Dr.ssa Marcella SANTINO – Responsabile Provinciale Screning
-Dr. Alfredo ZODA – m.m.g.
-Gianluca MICCICHE’ – Assessore Provinciale


L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE INVITA LA CITTADINANZA A PARTECIPARE ALL’INCONTRO.


AMMINISTRAZIONE COMUNALE
ASSESSORE ALLE POLITICHE SOCIALI
Donatella MAROTTA


Festeggiamenti in onore di Padre Pio a Bompensiere

Sotto potete ammirare alcuni scatti realizzati da Giuseppina Cino in occasione della festa di Padre Pio.




P.S.
Ormai è da più di una settimana che il blog risulta essere non raggiungibile da molti utenti Telecom Italia.

giovedì 17 giugno 2010

Gli invidiosi ci lodano senza saperlo

Posso sopportare un'ADSL che continua a dare problemi, posso sopportare il continuo oscuramento di questo blog, posso sopportare (qui siamo al limite della sopportazione però) le Vuvuzela che rendono inguardabili le partite del mondiale, ma questa barzelletta del presidente del consiglio non è tollerabile.

A tal proposito è bene ricordare a tutti che l'attaccamento al passato molto spesso si trasforma in incapacità di vivere il presente. E questa tesi è sostenuta da una buona fetta di tifosi milanisti.

martedì 15 giugno 2010

Mercoledì 16 giugno 2010 a Milena un incontro da non perdere!

INCONTRO CON L'AUTORE

"C'ERA UNA VOLTA L'INTERCETTAZIONE" di Antonio Ingroia

http://ilradicchioavvelenato.files.wordpress.com/2010/04/vb3.jpg

Mercoledì 16 giugno 2010 a Milena alle ore 18.30, presso la biblioteca comunale - sala Falcone Borsellino.

Il Procuratore aggiunto della procura distrettuale antimafia di Palermo, dr. Antonio Ingroia, autore del libro sul disegno di legge che regola l'intercettazione, presenterà il suo libro-denuncia.

Alla presentazione del libro ci saranno anche l'avvocato Sergio Iacona e il giudice Giovanbattista Tona che idealmente processeranno il libro e il nuovo disegno di legge sulle intercettazioni.

L'incontro è co-organizzato dalla Scuola di formazione etico-politica "G. Falcone" di Palermo e dal gruppo "Percorsi di Cittadinanza di Milena.

Alfonso Paolino Cipolla

lunedì 14 giugno 2010

2160 minuti di buio

E' da circa 36 ore che gli utenti "Telecom Italia" non riescono più a collegarsi a BlogPensiere. Avete letto bene, il problema ha interessato tutti gli utenti "Telecom" della Penisola. Con altre società nessun problema.

Vi informo anche che l'ADSL di Bompensiere continua a creare problemi di velocità e stabilità. Non so neanche se riuscirò a postare queste 4 parole.
http://www.beppegrillo.it/immagini/Telecom_pubblicita.jpg

sabato 12 giugno 2010

SOUTH AFRICA 2010 FIFA WORLD CUP

Questa mattina voglio proporvi la canzone ufficiale dei mondiali di calcio magnificamente cantata da Shakira. Ho anche inserito il sondaggio "Chi vincerà i mondiali 2010?".

Infine inserisco il link dove troverete tutti i gironi e le partite del modiale.




Forza Azzurri!!!


venerdì 11 giugno 2010

DDL intercettazioni: parlo ora perchè poi dovrò tacere per sempre

Una democrazia cessa di essere tale quando i cittadini non sono più informati. L’informazione è libertà. La preclusione all’informazione è dittatura.


Vogliono zittirci tutti. Non ci credete? Allora vi illustro brevemente quello che accadrà quando il DDL sulle intercettazioni verrà approvato definitivamente:

LIMITI E DURATA
Intercettazioni possibili solo per i reati puniti con più di cinque anni di carcere. I telefoni possono essere messi sotto controllo per 75 giorni al massimo. Se c’è necessità, motivata dal pm e riconosciuta dal giudice, è possibile un periodo aggiuntivo di tre giorni, prorogabili di volta in volta con provvedimento del pm controfirmato dal giudice fino a che esista la necessità. Per i reati più gravi (mafia, terrorismo, omicidio, ecc.) le intercettazioni sono possibili per 40 giorni, più altri venti prorogabili. Inoltre, le intercettazioni disposte per un reato potranno essere utilizzate anche per provarne un altro, purché il fatto sia lo stesso.
Se ad esempio viene intercettato un rapinatore, e durante le indagini si scopre che risulta essere pure un assassino non si potrà utilizzare il nastro per quest'ultimo reato. Se, al 75° giorno di ascolti, scoprono che il tizio progetta un altro colpo, dovranno chiedere al tribunale collegiale una proroga di 48 ore e sperare che il tizio dica tutto subito, altrimenti nuova proroga di due giorni, a oltranza, fino a quando non si stufano e si manda tutto a puttane.
Intanto il governo blocca contratti e turnover alle Forze dell’ordine e taglia del 30% gli stipendi ai magistrati. I ladri se la spassano e le guardie tirano la cinghia.



DIVIETI E SANZIONI
Gli atti delle indagini in corso possono essere pubblicati solo per riassunto. Gli editori che ne consentono la pubblicazione in maniera testuale rischiano fino a 300mila euro di multa. Le intercettazioni sono off limits per la stampa fino a conclusione delle indagini: per gli editori che violano il divieto, sono previste sanzioni oltre i 300 mila euro, che salgono a 450mila euro se si tratta di intercettazioni di persone estranee alle indagini o che devono essere espunte dal procedimento perché illecite o irrilevanti ai fini processuali. Condanne dure anche per i giornalisti: fino a 30 giorni di carcere o una sanzione fino a 10.000 euro se pubblicano intercettazioni durante le indagini o atti coperti da segreto.
Altro esempio. In questi giorni in America si apre il processo all’ex governatore dell’Illinois Blagojevic, intercettato mentre vendeva il seggio senatoriale liberato da Obama. La stampa Usa ha pubblicato regolarmente le intercettazioni poichè, come tutti sanno, erano contenute in un atto ufficiale della Procura, dunque pubbliche, ergo pubblicabili.
Se fosse successo in Italia sarebbero finiti sotto processo i giornalisti e i loro giornali sarebbero falliti sotto una montagna di multe.



INTERCETTAZIONI AMBIENTALI
Niente più microfoni piazzati in casa o in auto per registrare le conversazioni degli indagati. Le ‘cimici’ saranno consentite per un massimo per tre giorni, prorogabili di tre in tre con provvedimento del pm controfirmato dal giudice.
Praticamente niente cimici in luoghi privati? In effetti ha senso. I malviventi sono soliti parlare dei loro loschi interessi in parchi, stazioni di servizio e trattorie varie. Ti immagini che si mettano a disquisire di sequestri, riciclaggio di denaro, giri di prostituzione, acquisti illeciti e porcate varie nelle loro case. Se lo pensate siete dei poveri sciocchini.



PM IN TV

Se il responsabile dell’inchiesta passa alla stampa atti coperti dal segreto d’ufficio o semplicemente rilascia dichiarazioni pubbliche su un’inchiesta a lui affidata può essere sostituito dal capo del suo ufficio. La sostituzione del magistrato, quindi, non avviene più per automatismo, ma occorre la volontà del capo dell’ufficio.
Capo dell'ufficio, capo dell'ufficio... non mi dite che sarà assegnato da chi detiene la maggioranza politica del paese. No così, mi piacerebbe saperlo. Anzi se qualcuno lo sa è pregato di rispondermi.



NORMA TRANSITORIA
Le nuove regole si applicano ai processi in corso. Quindi, anche se erano già state autorizzate intercettazioni con le vecchie regole, dovrà essere applicato il tetto dei 75 giorni. Dal giorno di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, inoltre, saranno necessari 15 giorni di vacatio ordinaria per consentire alle Procure di allestire il registro segreto e un luogo dove conservare le intercettazioni, di cui è responsabile il capo dell’ufficio.
E' lo stesso capo dell'ufficio della nota precedente? No, perchè inizio a capire che avrà un ruolo importante. E se ad essere indagato fosse proprio il capo dell'ufficio? Cribbio!



RIPRESE DEI PROCESSI
Sulle riprese tv per i processi decide il presidente della Corte d’Appello, che può autorizzarle anche se non c’è il consenso delle parti.


REGISTRAZIONE DI CONVERSAZIONI
Le registrazione carpite di nascosto sono permesse solo ai servizi segreti e ai giornalisti professionisti e pubblicisti.


PRETI E ONOREVOLI
Se nelle intercettazioni finisce un sacerdote bisogna avvertire la diocesi; se l’intercettato è un vescovo il pm deve avvertire la segreteria di Stato vaticana. Per quanto riguarda i parlamentari, occorre il via libera della Camera di appartenenza. Vietato ascoltare assistenti e familiari degli onorevoli se sono estranei ai fatti per cui è in corso l’indagine.


RETTIFICA PER I BLOGGER
I blog e tutti i siti internet verranno trattati come quotidiani in edicola e tg. «Anche chi ha un blog non registrato come testata giornalistica (quindi non soggetto alla legge sulla stampa) avrà l’obbligo pubblicare la rettifica – su richiesta della persona che si ritiene offesa – entro 48 ore».
No, questa è bella. Quello che accadrà è che chiunque potrà inviare una mail a un blogger, a Google in relazione ai video pubblicati su YouTube, a Facebook o MySpace o, piuttosto al gestore di qualsiasi newsgroup o bacheca elettronica amatoriale o professionale che sia, chiedendo di pubblicare una rettifica in testo, video o podcast a seconda della modalità di diffusione della notizia da rettificare.
Quindi pubblico qualcosa che qualcuno reputa non veritiera, a quel punto mi invia una rettifica che dovrò integralmente pubblicare entro le 48 ore.
E se non torno a casa per una settimana perchè faccio il camionista?
Significa venire meno all’obbligo di rettifica rischiando multe fino a 12.500 euro.
In poche parole si sta cercando di distruggere il bello dell'informazione non professionale online dove le rettifiche avvenivano tramite semplici commenti/risposta e soprattutto senza alcuna ammenda. Il rischio che oggi diviene realtà è quello che all’indomani dell’entrata in vigore della nuova disciplina sulle intercettazioni, la Rete rischia di “chiudere per rettifica”.
Quello che stanno cercando di fare è di imporci gli argomenti, trattare solo tematiche frivole come moda, cucina, motori, spettacolo e gossip tralasciando così politica, economia e affari giudiziari. Opss... ma non è quello che è già accaduto alla tv?


Per chi volesse leggere il disegno di legge sulle intercettazioni può cliccare sul seguente link: "Disegno di legge".




Fonti: senzaagettivi.net, voglioscendere.ilcannocchiale.it, webmasterpoint.org, giudoscorza.it, wikipedia.org, insertosatirico.com.

Calendario per la raccolta differenziata dei rifiuti a Bompensiere

IN COLLABORAZIONE CON IL
COMUNE DI BOMPENSIERE (CL)

AVVISO
CALENDARIO RACCOLTA PORTA A PORTA RIFIUTI DIFFERENZIATI

Si comunica all’utenza che a far data dal 14/06/2010 la raccolta dei rifiuti differenziati:

  • Imballaggi in Plastica (sacchetto colore GIALLO)
  • Carta e Cartone (sacchetto colore AZZURRO)
  • Imballaggi in Vetro e Lattine (sacchetto colore VERDE)

Verrà effettuata nel solo giorno di VENERDÌ di ogni settimana, i rifiuti dovranno essere differenziati negli appositi sacchetti colorati, e posizionati per il ritiro entro le ore 8:00 nei pressi della propria abitazione.

Si ricorda inoltre alle utenze domestiche che è già attivo il servizio del ritiro rifiuti ingombranti e beni durevoli, mediante prenotazione telefonica al numero 0934 930 105 negli orari 09:00 – 12:00.


Il responsabile dell’unità operativa 03
Geom. Silvestro GUARINO

Il Sindaco

Geom. Salvatore Gioacchino Losardo

La legge bavaglio

Questa mattina la prima pagina del noto quotidiano la Repubblica sarà bianca. Nella home page del sito potrete visulizzare il seguente post-it:

A spiegare le motivazioni di questa drastica scelta è proprio Ezio Mauro, direttore del noto quotidiano:

Una prima pagina bianca, per testimoniare ai lettori e al Paese che ieri è intervenuta per legge una violenza nel circuito democratico attraverso il quale i giornali informano e i cittadini si rendono consapevoli, dunque giudicano e controllano. Una violenza consumata dal governo, che con il voto di fiducia per evitare sorprese ha approvato al Senato la legge sulle intercettazioni telefoniche, che è in realtà una legge sulla libertà: la libertà di cercare le prove dei reati secondo le procedure di tutti i Paesi civili - nel dovere dello Stato di garantire la legalità e di rendere giustizia - e la libertà dei cittadini di accedere alle informazioni necessarie per conoscere e per sapere, dunque per giudicare.

La violenza di maggioranza è qui: nel voler limitare fino all'ostruzionismo irragionevole l'attività della magistratura nel contrasto al crimine, restringendo la possibilità di usare le intercettazioni per la ricerca delle prove dei reati. E nel voler impedire che i cittadini vengano informati del contenuto delle intercettazioni, impedendo ai giornali la libera valutazione delle notizie, nell'interesse dei lettori. Tutto questo, mentre infuria lo scandalo della Protezione Civile, nato con le risate intercettate ai costruttori legati al "sistema" di governo, felici per le scosse di terremoto che squassavano L'Aquila.

Le piccole modifiche che sono state fatte alla legge (si voleva addirittura tenere il Paese al buio sulle inchieste per quattro anni) non cambiano affatto il carattere illiberale di una norma di salvaguardia della casta di governo, terrorizzata dal rischio che i magistrati indaghino, i giornali raccontino, i cittadini prendano coscienza. Anzi. La proroga dei termini per gli ascolti, di poche ore in poche ore, è proceduralmente più ridicola che macchinosa. E le multe altissime agli editori non sono sanzioni ma inviti espliciti ad espropriare la libertà delle redazioni dei giornali nel decidere ciò che si deve pubblicare.

Ciò che resta, finché potrà durare, è l'atto d'imperio del governo su un diritto fondamentale dei cittadini - quello di sapere - cui è collegato il dovere dei giornalisti di informare. Se questa legge passerà alla Camera, il governo deciderà attraverso di essa la quantità e la qualità delle notizie "sensibili" che potranno essere stampate dai giornali, e quindi conosciute dai lettori. Attenzione: la legge-bavaglio decide per noi, e decide secondo la volontà del governo ciò che noi dobbiamo sapere, ciò che noi possiamo scrivere.
Con ogni evidenza, tutto questo non è accettabile: non dai giornalisti soltanto, ma dai cittadini, dal sistema democratico. Ecco perché la prima pagina di "Repubblica" è bianca, per testimoniare ciò che sta accadendo. E per dire che non deve accadere, e non accadrà.

Inserisco sotto un video in cui potrete sentire chiaramente la Daddario che parla con Berlusconi e gli sciacalli dell'Aquila che sono felici del disastro causato dal terremoto. Ebbe si, grazie a questa nuova legge queste intercettazioni non potranno essere nè realizzate nè ascoltate dal pubblico.



La stampa più libera del mondo intero è la stampa italiana. Il giornalismo italiano è libero perché serve soltanto una causa e un regime; è libero perché, nell'ambito delle leggi del regime, può esercitare, e le esercita, funzioni di controllo, di critica, di propulsione.
-Benito Mussolini-


mercoledì 9 giugno 2010

Giornata Nazionale dello Sport \ 2

Sono arrivati nuovi scatti



martedì 8 giugno 2010

Da anonimo batterista a YouTube star

Questo video è assolutamente da vedere. Può la musica trasportarti fino a questo punto?


lunedì 7 giugno 2010

Giornata nazionale dello sport

Sono appena arrivate in redazione alcune foto scattate in occasione della Giornata Nazionale dello Sport settima edizione.





Se qualcuno è interessato a ricevere il cd con tutti gli scatti del progetto “Sportivamente giocando” e della giornata di Domenica può contattare l'associazione ASD Summer all'email ass.summer@gmail.com, oppure può rivolgersi direttamente a Giuseppe Licata (Picchio rosso).


domenica 6 giugno 2010

Ritiro parrocchiale per le famiglie, gli adulti e i giovani della parrocchia


Domenica 27 giugno: una giornata di ritiro parrocchiale per le famiglie, gli adulti e i giovani della parrocchia al Santuario San Paolino di Sutera.
Ci si organizza con le proprie macchine con raduno e partenza dal piazzale antistante la chiesa parrocchiale alle ore 09:00. Meditazione, deserto, condivisione, Santa Messa, colazione a sacco, relax, preghiera conclusiva e rientro nel pomeriggio.

Si raccomanda di portare tra le altre cose... la BIBBIA.

Comunicare in tempo utile il numero dei partecipanti direttamente al parroco.

sabato 5 giugno 2010

Illusioni

La prima illusione ottica che vi presento è fantastica eh ha vinto il primio Best Illusion of the Year Contest 2010. Calamite? Sconvolgimento della forza di gravità? Magia nera? Niente di tutto questo!



In quest'altro video si gioca con i colori. Quello che vedrete sembrerà strano ma è così.

venerdì 4 giugno 2010

La web-tv del vallone ritorna a parlare dell'adsl bompensierina


Dopo le nostre segnalazioni numerosi giornali hanno approfondito il caso dell'adsl bompensierina. Anche il mio amico Flavio Nicastro è ritornato sull'argomento realizzando uno splendido servizio che potrete vedere cliccando sul sueguente link http://www.italiaonline.tv/webtv_campofranco e selezionando il video intitolato "Bompensiere e il solito problema".

Se la vostra connessione è particolarmente lenta vi suggerisco di seguire i consigli che avevo scritto qualche tempo fa in questo post.

martedì 1 giugno 2010

Foto antiche Bompensiere

Altri 8 splendidi scatti inviati alla redazione dal Sig. Francesco Infantolino


Nella foto sotto il corpo musicale di Bompensiere. Anno 1963

Clicca sull'immagine per accedere all'album delle foto antiche bompensierine

Ti potrebbero anche interessare

Related Posts with Thumbnails